Primo incontro con il nuovo Amministratore Delegato Ferrovie dello Stato. Sboarina: “A breve protocollo di intesa fra Comine e Ferrovie”.

Riqualificazione zona ex scalo merci

Comune di Verona e Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane sottoscriveranno a breve il protocollo di intesa per la riqualificazione dell’intera area dell’ex scalo merci. La decisione è stata presa oggi durante l’incontro che si è tenuto a Palazzo Barbieri fra il sindaco Federico Sboarina e il nuovo amministratore delegato di Ferrovie dello Stato italiane, dottor Gianfranco Battisti. Alla riunione, la prima fra il sindaco e il nuovo management, hanno partecipato anche il ministro Lorenzo Fontana, l’assessore regionale alle Infrastrutture e Trasporti Elisa De Berti, il vicesindaco Luca Zanotto e due dirigenti del Gruppo.

Central park

La condivisione sulla riqualificazione necessaria alla realizzazione del Central park è diventata immediatamente operativa. Infatti, da oggi un tavolo tecnico è al lavoro per la stesura del Protocollo, che includerà le tappe e le procedure necessarie per raggiungere l’obiettivo che coinvolge diverse società del Gruppo Fs Italiane. “E’ stato un incontro molto proficuo – ha detto il sindaco -. Con il dottor Battisti abbiamo continuato il dialogo già avviato nel 2017 con la società che amministra. Abbiamo definito le principali linee guida per la valorizzazione dell’ex scalo merci, su cui da subito ho cominciato a lavorare per realizzare il Central park veronese. Fra non molto sottoscriveremo il Protocollo d’intesa con il Gruppo Fs Italiane che conterrà i dettagli operativi. Ricordo ciò che ho sempre sostenuto, e cioè che si tratta di una operazione complessa dal punto di vista amministrativo ma raggiungibile con un impegno costante e serio”.

Leggi anche:  Al via a Verona Toccobarocco, il festival dedicato alla musica barocca

Rapporto rinato

“La mia presenza qui oggi dimostra l’impegno della Regione per la città di Verona – ha aggiunto De Berti -. Con questa amministrazione, infatti, è rinato un rapporto costruttivo fra i due enti per raggiungere obiettivi di comune interesse per il territorio. Lavoro congiunto che stiamo facendo non solo nelle infrastrutture”.