Al via il bando internazionale rivolto alle aziende del settore riscaldamento ed energia. C’è tempo fino al 7 ottobre 2019

Progetto Fuoco: al via le candidature

L’innovazione passa anche per l’energia del legno e per i nuovi sistemi con cui scaldiamo le nostre case, scuole, fabbriche e uffici. Nasce da questa convinzione Give Me Fire – Progetto Fuoco European Startup Award, il primo bando internazionale rivolto alle imprese innovative italiane ed europee, che vuole “mettere a fuoco” il futuro del settore del riscaldamento e dell’energia prodotti dalla legna.

Come candidarsi

A promuovere il concorso sono Progetto Fuoco, la principale fiera mondiale nel settore degli impianti e attrezzature per la produzione di calore ed energia dalla combustione della legna, e Blum, in collaborazione con Aiel – Associazione Italiana Energie Agroforestali. Per farsi avanti, senza spese per i candidati, c’è tempo fino alle ore 18 del 7 ottobre 2019. Una giuria tecnica selezionerà le 10 startup finaliste, che parteciperanno con un desk gratuito alla 12esima edizione di Progetto Fuoco, dal 19 al 22 febbraio 2020 alla Fiera di Verona.

Il bando e il form da compilare per candidarsi si trovano a questo link: http://www.progettofuoco.com/givemefire/ Per informazioni si può contattare l’email segreteria@blum.vision

Al via il bando internazionale rivolto alle aziende del settore riscaldamento ed energia.

Progetto Fuoco in fiera a Verona

Progetto Fuoco è la più importante fiera di impianti e attrezzature per la produzione di calore ed energia dalla combustione della legna, e si svolge ogni due anni alla Fiera di Verona. All’ultima edizione, nel 2018, hanno partecipato oltre 71 mila visitatori, dei quali 15 mila stranieri provenienti da 70 Paesi, e 782 aziende espositrici, di cui 322 estere provenienti da 40 Paesi.

Leggi anche:  Escherichia coli troppo alti: due spiagge non balneabili sul Lago

Quest’anno sarà allestita un’area tematica dedicata all’innovazione, dove gli innovatori si presenteranno alla giuria e al pubblico e potranno incontrare potenziali investitori e partner industriali. La startup vincitrice si aggiudicherà un premio consistente in servizi per un valore di 15 mila euro. Potranno candidarsi tutte le aziende che innovano nel settore: dalle nuove forme del combustibile alle novità della filiera del legno, dai più recenti materiali per stufe e caldaie alle soluzioni inedite per i bruciatori, dal contenimento delle emissioni fino alle contaminazioni con le app, l’intelligenza artificiale, le nuove frontiere come le reti di nuova generazione del 5G.

«Give Me Fire sarà la grande novità di questa dodicesima edizione – spiega Raul Barbieri, direttore generale di Progetto Fuoco -. Per essere leader non basta continuare a fare bene quello che si sa fare, serve la spinta e il coraggio di rischiare, proponendo qualcosa di nuovo. Anche in un settore maturo come quello del Fuoco gli scenari cambiano, nuove abitudini e tecnologie ridefiniscono continuamente i mercati e gli orizzonti produttivi».

«L’obiettivo del premio è quello di aiutare tutte le nuove realtà imprenditoriali che contribuiscono all’innovazione del settore – aggiunge Luca Barbieri di Blum – ad entrare velocemente in contatto con partner industriali in grado di accompagnarle sul mercato».

Al via il bando internazionale rivolto alle aziende del settore riscaldamento ed energia.