Protezione della Giovane Verona torna la cena di autofinanziamento. L’associazione è nata all’inizio degli anni ’80 per rispondere alle problematiche sociali legate all’emergenza abitativa femminile.

Protezione della Giovane Verona torna la cena di autofinanziamento

Una cena di solidarietà, una cena di beneficenza, una cena per finanziare le attività di quella che per centinaia di donne è stata casa, rifugio e salvezza. Il 13 marzo alle 20 si terrà all’agriturismo Corte San Felice di Verona (Via Belvedere, 123/A), la cena annuale dell’associazione di volontariato Protezione della Giovane.

A cucinare gli “agri-chef” di Coldiretti

A preparare la cena non saranno normali cuochi, ma gli agrichef di Coldiretti. Si tratta di professionisti che nelle loro ricette utilizzano prodotti del territorio, prodotti da aziende agricole, e bontà di stagione, tutelando la biodiversità e seguendo anche le ricette contadine.

L’associazione

L’associazione Protezione della Giovane offre un servizio di accoglienza, di ascolto e un appoggio materiale e morale alle donne in difficoltà, lontane o allontanate dal proprio nucleo familiare, o che ne sono prive. Le principali attività a cui si dedica possono essere così riassunte:

  • gestione del Centro di Pronta Accoglienza per donne in condizione di emergenza abitativa;
  • lavoro in rete con le altre associazioni locali (Rete Donna, Rete Talenti…);
  • promozione e realizzazione di iniziative informative e formative per le proprie ospiti (accompagnamento al lavoro per donne disoccupate, ciclo di incontri a tema ..);
  • coinvolgimento in iniziative informative e formative per i propri volontari e dipendenti, e promozione delle attività dell’Associazione;
  • realizzazione di progetti per promuovere piani di inclusione sociale, anche grazie al contributo di terzi (Enti locali, Fondazioni, Privati..);
  • sottoscrizione di nuove intese con enti locali e conferma di quelle già esistenti;
  • partecipazione ai bandi promossi dal Csv di Verona;
  • mantenimento delle convenzioni in corso con enti privati: Banco Alimentare Onlus, Acli…;
  • consolidamento della collaborazione con Forze dell’Ordine e la Prefettura per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne.
Leggi anche:  Memorial Cristina Ceschi

Per prenotare

La cena ha un costo di soli 20 euro, che saranno utilizzati per finanziare le attività dell’associazione, ed è aperta a tutti. Per prenotare si può contattare Lorella al numero 349 383 5399. Nel corso delle prossime settimane gli organizzatori sveleranno i dettagli e le sorprese di questo evento così atteso.