Raccolta farmaci e sostegno ai bisognosi. Premiate in Comune tre associazioni veronesi.

Ringraziamenti a chi, per il paese, si adopera

Una pergamena, per ringraziare, a nome della città, i volontari di tre associazioni veronesi che, negli ultimi anni, si sono spesi in attività assistenziali, per rispondere al bisogno farmaceutico di persone povere e indigenti. Il sindaco Federico Sboarina ha premiato oggi, in sala Arazzi, Matteo Vanzan e Michele Lonardoni in rappresentanza della Fondazione onlus Banco Farmaceutico, Paolo Pomari per l’Associazione Nazionale Farmacisti Volontari di Verona e Elena Vecchioni della Fondazione Rava.

Sociale e umanità

Un riconoscimento promosso dalla commissione consiliare quinta del Comune, delegata ai temi del sociale, per volontà della presidente Maria Fiore Adami e dei consiglieri Gianmarco Padovani e Mauro Bonato, come segno di attenzione verso le realtà quotidianamente impegnate nella solidarietà e nell’aiuto verso gli altri.

Assocxiazione, fondazione e banco

Tra queste, quindi, il Banco Farmaceutico, con gli straordinari numeri che ogni anno registra la giornata nazionale dedicata alla raccolta dei farmaci, ma anche la Fondazione Rava, impegnata in progetti internazionali per la tutela dei diritti dei bambini, e la sezione veronese dell’Associazione Nazionale Farmacisti Volontari che, con il suo camper attrezzato, si sposta per l’Italia in caso di calamità naturale o in presenza di emergenze.

L’orgoglio del primo cittadino

“Da sindaco – ha detto Sboarina -, è un orgoglio sapere che all’interno della propria comunità ci sono tante persone che si spendono con impegno e generosità, per i più bisognosi. Veronesi che mettono a disposizione la propria professionalità per fare del bene, prestando servizio dove serve, mettendoci l’anima. A nome di tutta la città, grazie per quanto fate”.

Dettagli sulle tre entità che supportano le necessità

 
Fondazione Onlus Banco Farmaceutico: presente a Verona da 17 anni, oltre alla Giornata di raccolta del farmaco, a febbraio, in 3600 farmacie, collabora anche a progetti di solidarietà in paesi esteri.
L’edizione 2018 della Giornata di raccolta del farmaco, ha visto la partecipazione di 141 farmacie di Verona e provincia, per 11 mila farmaci raccolti (valore 71.520 euro). Circa 10 mila le persone assistite grazie a 31 enti convenzionati.
Da qualche anno il Banco Farmaceutico partecipa e coordina in alcune città italiane il recupero di farmaci validi non scaduti, che vengono donati ad enti assistenziali autorizzati. Al 15 giugno di quest’anno, sono state recuperate 22.413 confezioni di farmaci, per un valore di quasi 300 mila euro. Al 15 giugno di quest’anno, ammontano a  22.413 le confezioni di farmaci recuperate, per un valore di quasi 300 mila euro.
La sezione Farmacisti Volontari nasce a Verona nel giugno 2014, per volontà dell’Ordine dei Farmacisti, unica nella regione veneta. Oltre ad occuparsi della formazione dei propri iscritti, l’associazione si è dotata sin da subito di un camper attrezzato a unità farmaceutica mobile, una struttura che risulta a tutti gli effetti una farmacia in miniatura e pronta ad intervenire in caso di calamità naturali. Dopo il sisma che nel 2016 ha colpito l’Italia centrale, il camper ha prestato soccorso ad Arquata del Tronto nei giorni subito successivi al terremoto, avvenuto nella notte del 24 agosto, per poi essere impiegato ad Accumuli e Rieti. La seconda e più violenta scossa di terremoto in ottobre, ha portato il camper nelle località di Pieve Torina, Norcia, Visso, Caldarola e Camerino. Nel 2017 la struttura mobile è stata utilizzata come farmacia mobile a Campotosto.
 

Fondazione Rava. Organizzazione internazionale per la tutela dei diritti dei bambini, si occupa di progetti a sostegno della povertà sanitaria e della scolarizzazione, dell’abbandono neonatale e della ricostruzione delle scuole primarie nelle zone del centro Italia colpite dal terremoto. In occasione della Giornata mondiale dei diritti dell’Infanzia, la Fondazione ogni anno organizza “in farmacia per i bambini”, raccolta solidale di farmaci da banco,  alimenti per l’infanzia e prodotti pediatrici, per portare aiuto concreto ai bambini che vivono una condizione di povertà sanitaria in Italia e in Haiti. Nel 2017, 2.200 volontari della Fondazione sono stati presenti in circa 1.440 farmacie aderenti in tutta Italia, per un’azione di responsabilità sociale di una grande squadra che include i farmacisti e i loro clienti, le aziende, le istituzioni e i media.