Sboarina incontra Selmane, dal Marocco. Verona è sede di uno dei sette consolati marocchini.

Le nuove relazioni

Un incontro informale, che è diventato l’occasione per sviluppare nuove relazioni, a cominciare dall’ambito culturale, tra la comunità veronese e quella marocchina presente sul territorio comunale.

Scambio di doni

E’ quello avvenuto martedì 8 maggio, a palazzo Barbieri, tra il nuovo console generale del Regno del Marocco, Amina Selmane, e il sindaco Federico Sboarina. Per il tradizionale scambio di doni, il primo cittadino ha omaggiato la signora Selmane della medaglia della Città di Verona ed ha ricevuto in cambio un libro sulla storia dello sviluppo sociale ed economico del Marocco.

Verona sede del consolato

“La comunità marocchina presente a Verona è ben inserita e integrata con il tessuto cittadino – ha detto il Sindaco -, anche grazie ad una costante e proficua collaborazione tra le autorità di riferimento. Il fatto che Verona sia stata scelta come sede del consolato marocchino per tutto il Triveneto, ne dimostra la capacità al dialogo e l’interesse a intrecciare rapporti per lo sviluppo sociale ed economico del territorio”.

Leggi anche:  Crollo ponte Morandi muore musicista della banda di Caldiero

Numeri di iscritti

A Verona sono quasi 1700 i cittadini marocchini registrati al Consolato, 13 mila 400 in tutto il territorio provinciale, 94 mila nel Triveneto. Verona è una dei 7 consolati del Regno del Marocco presenti in Italia.