Il 13 dicembre scorso i ragazzi di una classe terza della scuola media di Sommacampagna si sono recati dai propri gemelli della scuola media di Hall in Tirol (Austria) per una nuova tappa dello scambio culturale instaurato fra le due città.

Scambio culturale tra Sommacampagna e Hall in Tirol

La partnership fra le due scuole è partita nell’anno scolastico 2007, fortemente sostenuta dai dirigenti scolastici dei due istituti e dall’Amministrazione comunale di Sommacampagna, gemellata con il Comune di Hall dal 2003. Ogni anno i ragazzi si incontrano per due volte, nel mese di dicembre, e a maggio, quando sono gli austriaci ad arrivare a Sommacampagna.I ragazzi sono stati accompagnati da tre docenti, dalla consigliera delegata alla promozione del territorio e ai gemellaggi Eleonora Principe per l’Amministrazione e dal nuovo parroco don Alessandro Martini, che per la prima volta ha conosciuto il gemellaggio tra di due comuni.

Come sono stati accolti gli studenti

Arrivati a scuola, gli studenti sono stati accolti dai compagni con delle esibizioni di canto e ballo. Dopo essersi uniti ai loro compagni di penna, hanno visitato il nuovo complesso scolastico di Hall, da poco inaugurato. I ragazzi sono poi stati accompagnati in visita guidata nella cittadina di Hall e al museo della Zecca, dove hanno potuto coniare una moneta. Nel frattempo l’amministrazione ha portato i saluti al sindaco di Hall e il parroco ha conosciuto il proprio corrispettivo austriaco e con l’occasione si è visitato il Duomo appena riaperto completamente dopo un restauro durato qualche anno. A pranzo i ragazzi sono stati ospitati dalle famiglie dei compagni di penna. Poi pattinaggio su ghiaccio dove anche chi non l’aveva mai fatto ha imparato a pattinare. La giornata è terminata con la visita alla bottega del mastro liutaio Posch, che ha spiegato ai ragazzi come si realizza un violino. Dopo un breve giro al mercato di Natale, tra le luci del calendario dell’avvento proiettate sui palazzi della piazza centrale, si è tornati a Sommacampagna. Si tratta di uno scambio, un progetto estremamente importante, che ha lo scopo di aprire le porte alle altre nazioni, di vivere in prima persona lo spirito europeo e di migliorare la lingua straniera.

L’importanza dei contatti con una cultura diversa

«L’amministrazione è orgogliosa di questo legame con la città di Hall in Tirol» – commenta l’Assessore al sociale, Alessandra Truncali – «perché è una bellissima occasione di aprirsi verso altre realtà. Ringrazio la scuola e le insegnanti che lavorano tutto l’anno per la realizzazione di un progetto fortemente voluto dal Comune perché danno la possibilità ai ragazzi di avere contatti con altre culture, altre realtà, farsi degli amici e crescere anche e soprattutto socialmente».
La consigliera delegata alla promozione del territorio e ai gemellaggi Eleonora Principe conclude: «Il sentimento Europeo nasce e si coltiva in queste occasioni. I ragazzi allacciano legami di amicizia con i loro coetanei e non è la lingua diversa a fermare il desiderio di conoscersi. I gemellaggi insegnano a non vedere confini, crescendo cittadini aperti al mondo».