Un operatore socio-sanitario di 35 anni è scomparso nel nulla e da due giorni non si hanno più notizie di lui.

La passeggiata

Il fatto arriva dal Veneto, precisamente da Este, dove Sergio Caldieron abita con la famiglia. Il 35enne, che lavora in una casa di riposo a Lozzo Atesino, esce di casa la mattina di ieri, domenica 24 novembre, intorno alle 6.00, per andare a fare una passeggiata. Ne sente il bisogno dopo la cena di sushi con gli amici della sera precedente. Così, dopo aver avvertito la madre, si incammina a piedi. Intorno alle 8.00 fa rientro a casa.

Il borsello dimenticato

A un certo punto, però, si rende conto di aver dimenticato il borsello con all’interno il portafoglio e il cellulare. Dirà alla madre di averlo lasciato nel bagno del bar dove poco prima aveva fatto colazione. Così esce nuovamente di casa e si dirige a riprenderlo. Ma da quel momento in poi, di lui, non si sono più avute notizie.

Leggi anche:  L’Aeronautica Militare a fianco del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Villafranca

Che fine ha fatto?

Intorno alle 9.15 un passante trova il borsello di Sergio in via Rana Ca’ Mori e lo porta ai carabinieri. All’interno c’è il cellulare e il portafogli del 35enne, ma non le carte di credito e i soldi. I familiari vengono avvertiti e messi al corrente che di loro figlio non ci sono tracce. La sorella di Sergio, Anna, ha anche lanciato un appello su Facebook: “Mio fratello Sergio è uscito stamattina alle 8 e non è più rientrato a casa”. Nel momento in cui è sparito Sergio indossava un giubbotto rosso, jeans e scarponcini marroni.