Taxi a Verona aumenta l’orario di servizio fino a novembre.

Taxi a Verona aumenta l’orario di servizio

Aumentare il servizio di trasporto taxi di Verona offrendo, anche, nuove opportunità di lavoro. È questo l’obiettivo del progetto che, in via sperimentale, sarà attivo da giovedì 1 agosto al 10 novembre. L’iniziativa, presentata dall’assessore alle Attività economiche Nicolò Zavarise, permette ai tassisti veronesi di assumere un collaboratore per prolungare di sei ore la permanenza in servizio del proprio taxi.
Ad oggi, infatti, un tassista può, al massimo, lavorare con turni di 12 ore. Grazie a questo progetto, basato sulla normativa nazionale, il titolare della licenza può, invece, avvalersi di un collaboratore cui affidare un turno di servizio integrativo di ulteriori 6 ore. In questo modo, si accresce la presenza del taxi su strada del 50%, fino a un massimo di 18 ore giornaliere. L’iniziativa coinvolge, su base volontaria, tutti i 177 titolari di licenza taxi a Verona. Ovviamente, il collaboratore, per essere assunto, deve essere in possesso dei requisiti professionali previsti dalla legge.

Leggi anche:  Fuggono tre scimpanzè al parco natura viva, apertura rinviata

Un grande afflusso turistico

“Verona – ha detto l’assessore Zavarise – è città che vanta un grande afflusso turistico. L’obiettivo di questo primo provvedimento, condiviso con le categorie, è quello di aumentare il servizio taxi per cittadini e turisti, prolungando la presenza su strada dei mezzi. In questo modo diamo immediata risposta ai picchi di richiesta, come sono la stagione areniana e le fiere. Ma l’iniziativa rappresenta un’opportunità di lavoro anche per chi è in possesso dei requisiti, ma non dispone di licenza. Al termine del periodo di prova, nel quale ricadono la stagione lirica, Marmomacc e Fieracavalli, verificheremo i risultati dell’iniziativa per valutarne l’efficacia e per introdurre eventuali cambiamenti, in attesa che l’iter di approvazione del nuovo regolamento taxi giunga a conclusione”.