Al via la rassegna teatrale da stasera fino al 23 agosto ad Avesa. Gli spettacoli si terranno Parco Secolare di Villa Scopoli.

“Teatro al Verde” a Villa Scopoli

Teatro al Verde, fortunata rassegna presso il Parco Secolare di Villa Scopoli ad Avesa di Verona giunge alla sesta edizione. Ideata dall’Associazione Culturale Quinta Parete di Verona, per la direzione artistica di Federico Martinelli, il cartellone ospita realtà amatoriali e professionali non solo veronesi.

“Giungere alla sesta edizione è un traguardo che non mi sarei aspettato” sottolinea Martinelli  “La struggente bellezza del Parco secolare è uno straordinario valore aggiunto alla proposta artistica ma, quando ho pensato a questa rassegna l’avevo immaginata come omaggio a quel luogo e non come un’opportunità di crescita continua”.

La rassegna teatrale

La rassegna, sostenuta dalla Seconda Circoscrizione (Presidente Elisa dalle Pezze) per tramite della Commissione Cultura (Coordinatrice Caterina Bertolaso), raccoglie infatti la vocazione culturale di un ampio territorio del Comune di Verona e offre spunti che abbracciano diversi registri drammaturgici. Quest’anno, prosegue Martinelli, ho prestato attenzione alla diversificazione della proposta. Negli anni precedenti il taglio drammaturgico prediligeva testi impegnati mentre, per il 2019, pur avendo una connotazione riflessiva, gli spettacoli, faranno sorridere ed emozionare anche attraverso le corde dello humor. In questa sede debutta – si fa per dire – la nuova produzione di Quinta Parete. Dopo il successo di FreakShakespeare e Delitti di Letto, Quinta Parete mette in scena Aspettando Godot. E lo fa grazie alla partecipazione degli attori de La Formica che tornano, con il medesimo allestimento e la medesima regia, a rivestire di panni di alcuni tra i più significativi ed enigmatici personaggi di Thomas Beckett. Un debutto che è un ritorno. Ospitare alcuni tra i più validi attori amatoriali veronesi sotto l’egida di Quinta Parete è per me un privilegio e un’emozione. Il percorso avviato inerente la produzione di spettacoli è sempre stata fonte di soddisfazioni, soprattutto da parte del pubblico. Con questo spettacolo che grazie a La Formica, “Quinta Parete” fa suo, segniamo un 2019 all’insegna del grande teatro.

Leggi anche:  Mastini Chronicles: un viaggio fotografico dedicato ai cagnacci gialloblu

L’ingresso alla rassegna è gratuito fino ai 14 anni per ragazzi accompagnati da un adulto. Il biglietto, intero, viene 9 euro. Gli spettacoli, in caso di pioggia, saranno spostati a data da destinarsi. L’inizio è previsto per ore 21:15.

L’associazione Quinta Parete

L’associazione riunisce al suo interno esperti e appassionati di ogni forma artistica e di comunicazione. Con sede a Negrar, da oltre dieci anni è impegnata quotidianamente nell’organizzazione di eventi culturali: rassegne teatrali, mostre d’arte, conferenze, convegni, dibattiti. È anche editrice di volumi d’arte. Nel corso degli anni sono prestigiose le collaborazioni instaurate con Istituzioni ed Enti, sempre alla ricerca di una condivisione culturale ampia ed eterogenea.