Tezenis Verona, contro Milano arriva uno stop casalingo.

All’Agsm Forum il quarto stop stagionale

La Tezenis Verona incappa nella 4^ sconfitta stagionale. All’AGSM Forum, nell’anticipo dell’11^ giornata, a conquistare il match è l’Urania Milano che guida la partita dall’inizio alla fine e conquista i due punti in palio.

Verona, durante il match, prova a rientrare ripetutamente in partita. Arriva fino al -2 sul 72-74 a tre minuti dalla sirena con il canestro di Severini, ma il colpo di coda è della formazione ospite che vola a conquistare il match.

Per i gialloblù è il 4° stop stagionale, il secondo consecutivo dopo quello contro Forlì.

Nel primo quarto il primo strappo

E’ una Tezenis che si affida al tiro dalla lunga distanza nei primi minuti. I primi 9 punti portano la firma di Udom (3) e Severini (6); Milano, invece, si affida a Benevelli e Montano, che portano Milano al primo vantaggio (9-10).

Il primo strappo porta la firma della formazione lombarda che allunga sul +6 con Raivio e Lynch che trovano canestri da sotto (11-17).

Dalmonte utilizza il suo primo time out del match ma dopo l’errore di Hasbrouck, è Benevelli a trovare la via del canestro per il massimo vantaggio meneghino (11-19). Il break degli ospiti è interrotto dai due liberi di Poletti, ma solo per un attimo. Milano raggiunge la doppia cifra di vantaggio (13-23), prima del riposo c’è tempo solo per la tripla di Tomassini (16-23).

Verona rimane in scia in apertura di secondo quarto. Dalmonte conferma la cabina di regia a Tomassini ma i gialloblù sprecano con due palle perse consecutive da sotto, possessi preziosi. Il parziale viaggia in perfetta parità (8-8) dopo i primi 5 minuti; la Tezenis torna a macinare gioco ma inciampa sull’azione del possibile -4 con l’errore in contropiede di Love. Milano ne approfitta, torna a colpire a ripetizione e vola nuovamente sul +9 (29-38) ma ancora una volta Verona risponde presente, trovando due volte con Candussi la via del canestro da sotto (33-38), proseguendo poi fino al -4. Prima dell’intervallo, Montano mette i due liberi che fissano il punteggio sul 37-43.

Leggi anche:  Commissione Bilancio del Senato cancella lo sconto in fattura

Secondo tempo combattivo ma non basta

La Tezenis smarrisce la via del canestro nei primi minuti del terzo quarto. Per sbloccare i gialloblù ci vogliono i 2 liberi di Candussi dopo tre minuti di gioco mentre Milano, nel frattempo, ne mette 6 (39-49). Hasbrouck si sblocca nel secondo tempo e la tripla del 42-49 fa alzare i decibel dell’AGSM Forum. Udom ruba palla e vola a prendersi i due liberi: Verona si avvicina ancora di più: 44-49. Il momento positivo dei gialloblù si ferma qui, con Milano che scappa nuovamente con Montano e Benevelli (44-55). All’ultimo riposo si va sul 52-60.

Il coast to coast di Rosselli rianima il match (61-67) , Hasbrouck piazza la bomba del 64-69 ma a 5 minuti dall’ultima sirena la Tezenis scivola ancora a -10 (64-74). Il punteggio degli ultimi minuti è un elastico. Severini è glaciale dalla lunetta dopo la tripla di Hasbrouck (69-74), l’Urania è costretta al fallo dei 24’’ e la tripla di Severini fa esplodere il Forum (72-74) per l’ultimo sussulto gialloblù. Verona scivola ancora, l’Urania riprende fiato con Montano che la guida fino al 72-79; gli ospiti chiudono il match senza sbavature. Sulla sirena il punteggio è di 79-86.