Sabato 22, domenica 23 e lunedì 24 giugno 2019, a Vanoni-Remelli si terrà la settima edizione di “Amaranto Fest”, una tre giorni di solidarietà, musica e buon cibo organizzata da Associazione Proposte Sociali Onlus in collaborazione con Fondazione Historie Onlus.

Piatti per tutti i gusti

Come per le scorse edizioni, il cibo sarà cucinato direttamente dai cuochi volontari del paese, famosi per il loro risotto e la loro carne. Gli ospiti della serata potranno assaggiare pietanze “tipiche da sagra” come il risotto col tastasal, la grigliata di carne o le immancabili patatine fritte, ma anche piatti del territorio come i tortellini di Valeggio. E’ previsto per quest’anno anche un menù dedicato ai vegetariani.

Grande spazio alla musica

Per quanto riguarda la musica, Amaranto Fest si propone come spazio per musicisti noti nella provincia che si esibiranno su un palco di tutto rispetto, con service adeguati ad uno spazio aperto. Quest’anno le novità saranno molte: gli Shimbalaiè, un trio acustico che propone un accordo tra atmosfere soul e sonorità brasiliane, con un pizzico di jazz e pop. Nella serata di Sabato suoneranno anche i Da Quagga, gruppo strumentale che proporrà la propria musica fatta da un mix di hip-hop, funk e rock. La domenica, invece sarà all’insegna della musica acustica con il duo acustico Rum & Chocolate, che per il secondo anno consecutivo apriranno la serata con grandi classici della musica anni ’80 e ’90, seguiti dagli Smooth Waves, un trio che si propone di reinventare brani di vario genere unendo due voci dai caratteri differenti, un violino, una chitarra e il groove delle percussioni. Il lunedì sera, invece, darà spazio ad un gruppo che gli abitanti di Valeggio e dintorni conosceranno sicuramente: gli Alfa 10+1, complesso popolare di strumentisti e voci. Per concludere in bellezza, Amaranto Fest avrà il piacere di ospitare anche quest’anno i Jazz Flavour, un quintetto jazz e swing che fa della passione e della tecnica i loro cavalli di
battaglia.

Leggi anche:  Traversata a nuoto del Garda

Acquisti solidali

Durante le tre giornate di festa sarà anche allestita la bancarella per gli acquisti solidali che metterà in mostra le novità dei laboratori artigianali di Fondazione Historie: gioielli in bricolage, oggetti in legno e in ceramica, prodotti di tessitura, saranno disponibili insieme allo Zafferano purissimo di Verona. Con l’occasione verranno presentati gli oggetti realizzati dal progetto Mind Stolen che sostiene persone con demenze cognitive, Alzheimer e Parkinson.

Edizione green

Per il primo anno, la settima edizione di Amaranto Fest, strizza l’occhio anche all’ambiente: tutti i piatti, i bicchieri e le posate utilizzate, saranno “bio e sostenibili”. L’attenzione verso una sagra “green” aumenta i costi, ma permette di fare un piccolo gesto di educazione civile ed ambientale che gli ospiti gradiranno sicuramente. Amaranto Fest non è solo un momento goliardico di cibo e musica. La sagra è un momento conviviale tra amici, a misura delle persone che vivono nella Comunità Alloggio Verdeprato, ma questa settima edizione è mossa anche da una buona causa.

Solidarietà

La festa è organizzata anche per finanziare autonomamente una parte del restauro della Comunità Alloggio, per rendere la vita delle persone che la abitano dignitosa e sicura all’interno. Un progetto importante, ma soprattutto doveroso per rendere sempre più accogliente la struttura che ospita diciotto persone tra i 20 e i 65 anni. Le vendite del cibo, degli oggetti artigianali e della Lotteria di beneficienza, aiuteranno la Fondazione a finanziare i lavori.