Il gruppo consigliare Centrodestra per Sommacampagna si oppone con convinzione all’abbattimento della torre piezometrica deciso dall’Amministrazione.

Torre Piezometrica di Caselle: minoranza contro l’abbattimento

“In merito all’abbattimento della torre piezometrica di Caselle, siamo stati l’unico gruppo consigliare a chiedere chiarimenti – precisa Augusto Pietropoli, capogruppo el Centrodestra per Sommacampagna – La risposta in consiglio comunale non è stata per nulla soddisfacente. L’amministrazione per la decisione di abbattere la torre di Caselle si è basata solo su indicazione dell’ufficio tecnico, senza una benché minima perizia o relazione statica dell’edificio”.

L’interrogazione

Il gruppo di minoranza infatti, con un’interrogazione del 6 ottobre scorso, aveva chiesto chiarimenti all’Amministrazione in merito all’intenzione di abbattere la torre piezomentrica. A spingere i consiglieri di minoranza a contestare l’abbattimento la considerazione che la struttura rappresenta un simbolo per la comunità di Caselle, e il fatto che “la particolare architettura rimane come esempio di progettazione industriale storica del secolo scorso”.

Una possibile alternativa

“Si tratta di una decisione a nostro avviso superficiale – prosegue Pietropoli in riferimento alle imminenti procedure di demolizione – Si potevano coinvolgere gli ingegneri e architetti del territorio, magari con un concorso di idee. Siamo certi che molti professionisti avrebbero volentieri dedicato del proprio tempo gratuitamente per proporre progetti e soluzioni”.

Leggi anche:  Camera di Commercio 2 milioni di contributi per le imprese veronesi

Torre Piezometrica di Caselle: minoranza contro l'abbattimento