Ultimati gli interventi di pulizia del torrente Squaranto a Verona. Il presidente del Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta Silvio Parise ha illustrato l’importanza di tali lavori.

Ultimati gli interventi di pulizia del torrente Squaranto a Verona

Il presidente del Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta, Silvio Parise, ha illustrato i lavori recentemente portati a termine al torrente Squaranto, in territorio comunale di Verona: «La pulizia dei corsi d’acqua è fondamentale per garantire la sicurezza idraulica del territorio. Ed il verificarsi di precipitazioni impetuose, conseguenza dei cambiamenti climatici da tempo in atto, comporta il trasporto a valle di materiali che intralciano il regolare flusso dei fiumi, rappresentando un pericolo non di poco conto, in occasione delle piene».

Perché interessa anche San Martino Buon Albergo

«Quello eseguito sullo Squaranto – precisa Parise – è un intervento che viene effettuato in primavera e prima dell’inverno. L’esecuzione di questa attività è particolarmente importante, in quanto lo Squaranto è uno dei torrenti più pericolosi, perché scarica sul Fibbio e passa per il centro di Montorio e le sue acque si sommano, quando c’è la piena, con quelle del Fibbio, arrivando a San Martino Buon Albergo».

Leggi anche:  Erba velenosa nei fagiolini: ritirati lotti distribuiti anche da Eurospin

L’importanza della manutenzione del territorio

L’esecuzione della pulizia del fondo viene effettuata per ridurre la presenza di materiali che potrebbero ostruire il regolare deflusso del torrente, rappresentando un pericolo non di poco conto per la sicurezza idraulica di un vasto territorio del Veronese. La manutenzione nel territorio è fondamentale, ma soltanto quando si verificano eventi straordinari e la capacità di risposta è rapida, emerge l’efficienza della macchina organizzativa. Ed in tal senso il Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta ha dato prova di agire tempestivamente.

Le parole del vicepresidente Moreno Cavazza

«Lavori come questo fanno comprendere e confermano il ruolo strategico dei Consorzi di bonifica – conclude il vicepresidente del Consorzio di bonifica Alta Pianura Veneta, Moreno Cavazza – e sebbene l’azione di questi enti non sia sempre visibile, perché spesso agiscono in regime d’urgenza ed in luoghi non particolarmente frequentati, le conseguenze positive del loro intervento sono fondamentali. Proprio per questo è importante che il Consorzio possa dotarsi di mezzi all’avanguardia e personale altamente qualificato ed inserito in un percorso di formazione continua fondamentale per garantire la sicurezza e la qualità degli interventi».