Le cime di tutto il mondo conquistano Verona. Oltre 100 pellicole sono state inviate da ogni continente, 17 quelle in concorso che verranno proiettate in Gran Guardia dal 5 al 9 marzo. Torna, per il quarto anno, il Verona Mountain film festival, con un programma ricco di appuntamenti ad ingresso gratuito.

L’inaugurazione della rassegna cinematografica

Martedì 5 marzo sarà “In the starlight” del francese Mathieu Le Lay, ad inaugurare la rassegna cinematografica, preceduto dall’esibizione del Coro scaligero dell’Alpe. Durante le cinque serate, con inizio sempre alle ore 20.30, si alterneranno proiezioni ed eventi speciali. In concorso non solo film ma anche fotografie. Sono 24 gli scatti selezionati tra i 125 in gara.

Gli eventi speciali

Tra gli eventi speciali il “Premio al Soccorso Alpino Veronese” del Panathlon Verona, il progetto “Linea Terra Acqua” promosso dall’Accademia di Belle Arti, l’incontro con la scuola di scialpinismo Renzo Giuliani, che presenterà una iniziativa umanitaria nella valle dello Wakhan. Durante la serata finale si terranno, invece, la premiazione del concorso fotografico “Montagna, cosa mi racconti?”, dell’Università di Verona, la proiezione del film “Holy mountain” di Reinhold Messner e la commemorazione dell’alpinista Riccardo Cassin, a 10 anni dalla scomparsa. La serata si chiuderà con la performance “Tuo Walter” della compagnia delle Chiavi.

L’anteprima

Una anteprima del festival si terrà lunedì 25 febbraio, alle ore 17.45, nella sala convegni del Banco Bpm di via San Cosimo. Durante l’incontro, al quale sarà presente l’alpinista Beppe Pighi, verrà proiettato il film fuori concorso “La sud del Monte McKinley” di Riccardo Cassin. Giovedì 7 marzo, invece, al Polo Zanotto, alle ore 17, saranno proiettati sei dei cortometraggi in concorso e verrà svelato il nome del vincitore del contest fotografico organizzato dall’ateneo scaligero. Il programma completo della rassegna è disponibile sul sito www.montagnaitalia.com.

Leggi anche:  Limitazioni Sp 47 tra Legnago e Castagnaro per la presenza di crepe

“Spirit of the mountain”

Il festival, che rientra nel circuito “Spirit of the mountain”, è organizzato dalle sezioni CAI di Verona e dalle sottosezioni Gruppo escursionistico alpinistico di Zevio e Gruppo Alpino Scaligero Verona, con la direzione artistica di Associazione Montagna Italia, in collaborazione con il Comune di Verona.

La presentazione della rassegna

La rassegna è stata presentata questa mattina in sala Arazzi dall’assessore allo Sport Filippo Rando. Erano presenti anche il presidente dell’associazione Montagna Italia Roberto Gualdi, per il CAI di Verona il presidente Antonio Guerreschi e l’organizzatore del festival Alessandro Camagna. Numerosi i rappresentanti degli sponsor e delle realtà che hanno collaborato alla realizzazione dell’evento, tra i quali Agsm, Banco Popolare di Verona BPM, Accademia di Belle Arti, Fondazione Zanotto e Università degli Studi di Verona. Il festival ha ricevuto il patrocinio della Commissione Europea, dei Ministeri dell’Ambiente e dei Beni e delle attività culturali, oltre che della Regione Veneto e della Provincia di Verona.

“Verona capitale indiscussa dello sport”

“La nostra città conferma di essere capitale indiscussa dello sport anche attraverso manifestazioni come questa, capaci di accendere i riflettori su discipline forse meno conosciute ma dal grande fascino – ha detto Rando -. È per questo che siamo felici di ospitare nuovamente in Gran Guardia questo festival, una rassegna che coinvolgerà, attraverso l’arte del cinema, non solo i tanti appassionati di arrampicata e alpinismo, ma anche tutti quei veronesi che amano la montagna e le emozioni che sa trasmettere”.