“Anche sulla West Nile c’è chi un queste ore ha perso una preziosa occasione per stare zitto. A tutt’ora mi risulta che il Veneto sia l’unica Regione a essersi mossa in maniera massiccia e organica, prima con il coordinamento della prevenzione iniziato mesi fa, poi con il monitoraggio del fenomeno, quindi con un intervento importante, finanziando la disinfestazione e programmando il futuro. Il giochino del ‘non hai fatto niente’ e del ‘comunque se hai fatto non va bene’ è puerile. I Veneti hanno un governo regionale serio, e si meriterebbero anche un’opposizione almeno un po’più seria”.

Luca Coletto

Con queste parole, l’assessore regionale alla sanità del Veneto risponde ad alcune critiche rivolte all’operato della Regione rispetto alla vicenda del virus West Nile.

“Intervento tempestivo”

“Siamo intervenuti tempestivamente – aggiunge Coletto – non appena il monitoraggio della situazione ha indicato la necessità di farlo, e a fronte delle richieste di aiuto di molti Comuni, abbiamo programmato un intervento straordinario stanziando il necessario e un’azione sistemica per il futuro. Non va dimenticato che le norme nazionali – specifica l’assessore – incaricano i Comuni, e non le Regioni, a compiere le disinfestazioni. Ciò nonostante, di fronte a una situazione eccezionale, abbiamo fatto uno sforzo eccezionale”.

Leggi anche:  Discarica di Pescantina: accordo di programma da 66 milioni di euro

“Le Regioni non sono responsabili anche del tempo che fa”

“Chiedere ai giocolieri delle parole – conclude Coletto – di ricordare che si tratta di una situazione che si è presentata per la prima volta in assoluto così ampia in varie parti d’Italia a causa delle condizioni meteo di tipo tropicale,  e di rendersi conto che le Regioni non sono responsabili anche del tempo che fa, è purtroppo tempo perso”.