Ecco i consigli per difendersi dalla zanzara tigre e dal virus West Nile. L’Ordinanza è in vigore fino al 31 ottobre.

Zanzara tigre: ecco i consigli per la disinfestazione

Per prevenire e limitare la proliferazione della zanzara tigre fino al 31 ottobre 2019 è in vigore l’Ordinanza Sindacale n. 20 del 12 aprile 2019. L’Ordinanza si rivolge alla cittadinanza, ai condomini ed ai proprietari/gestori di edifici, ai proprietari/detentori/a coloro che abbiano l’effettiva disponibilità di scarpate ferroviarie, cigli stradali, corsi d’acqua, aree incolte/dismesse, ai Consorzi, alle Aziende agricole e zootecniche e a chiunque detenga animali per allevamento, ai responsabili dei cantieri, a coloro che detengono pneumatici o assimilabili, a coloro che conducono impianti di gestione rifiuti e attività quali rottamazione o demolizione di auto, giardini botanici, vivai, ai conduttori di orti urbani, e all’interno dei cimiteri.

Cosa bisogna fare?

  • Non abbandonare contenitori pieni d’acqua;
  • svuotare giornalmente qualsiasi contenitore dove si possa accumulare l’acqua piovana;
  • trattare in forma preventiva e periodica le caditoie e i tombini presenti nei giardini con prodotti disinfestanti larvicida in compresse;
  • provvedere al taglio periodico dell’erba;
  • evitare l’accumulo di rifiuti in quanto possono dare luogo alla formazione di focolai larvali.

Dal 2 maggio 2019 AMIA ha iniziato i trattamenti di disinfestazione larvicida su tombini e caditoie delle strade comunali. I trattamenti adulticidi nei parchi pubblici saranno effettuati soltanto a chiamata. Si ricorda infine, come indicato nella Delibera n. 181/2019 dell’ULSS 9 Scaligera, che in occasione di manifestazioni, feste, sagre, ecc. in aree aperte con grandi assembramenti di persone, gli interventi adulticidi di disinfestazione con prodotti insetticidi dovranno essere eseguiti soltanto dopo la metà di giugno e qualora sia stata accertata per il territorio della città di Verona una circolazione virale del virus West Nile (presenza di casi umani/animali o rinvenimento del virus in vettori).

Leggi anche:  Si schianta vicino alla scuola, tasso alcolemico 10 volte il limite

Come proteggersi dall’infezione West Nile

Per ridurre il rischio di infezione di West Nile, la misura preventiva più efficace che ognuno di noi può attuare è quella di proteggersi dalle puntura di zanzare. Al fine di minimizzare questo rischio è fortemente raccomandato adottare più misure di prevenzione e nello specifico:

  • all’aperto dal crepuscolo all’alba, periodo di maggiore attività delle zanzare, indossare indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo (maniche lunghe, pantaloni lunghi);
  • all’aperto, utilizzare repellenti cutanei per uso topico, in ogni caso è necessario utilizzarli con moderazione ed attenersi scrupolosamente alle norme indicate nei foglietti illustrativi dei prodotti repellenti; non utilizzarli sulle mucose o su regioni cutanee in presenza di lesioni e porre particolare attenzione al loro impiego sui bambini e donne in gravidanza e in allattamento.
  • alloggiare in ambienti dotati di impianto di condizionamento d’aria o, in mancanza di questo, di zanzariere a tutte le finestre e porte d’ingresso
  • nel solo caso di presenza di zanzare in ambienti interni, utilizzare spray a base di piretro o altri insetticidi per uso domestico, oppure utilizzare diffusori di insetticida elettrici, areando bene i locali prima di soggiornarvi.

Per maggiori informazioni consultare: Regione Veneto