Lutto al celebre ristorante 12 Apostoli. Si è spento, infatti, all’età di 93 anni lo storico chef Giorgio Gioco.

Addio a Giorgio Gioco

Gioco era la storia del ristorante 12 Apostoli di Verona che aveva ereditato dal padre Antonio e di cui continuava a seguirne le sorti assieme al figlio Antonio fino al cambio della guardia, con la gestione affidata al nipote Filippo e allo chef Mauro Buffo. Gioco era anche un grande appassionato di poesia, tanto è vero che nel 1968 aveva fondato assieme a Enzo Biagi, Indro Montanelli, Giulio Nascimbeni e Cesare Marchi il premio 12 Apostoli.

L’omaggio di Luca Zaia

“Diamo l’addio a uno straordinario interprete della cultura e della civiltà della tavola veronese e veneta. Grazie alla sua maestria, alla sua vasta conoscenza gastronomica, alle sue intuizioni e alla sua passione per l’arte e la poesia, lo storico ristorante nel cuore della città scaligera è divenuto uno dei simboli di eccellenza del nostro territorio”. Così il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, rende omaggio a Giorgio Gioco, patron del ristorante “12 Apostoli” di Verona e fondatore del celebre “Premio letterario 12 Apostoli”, spentosi oggi. “Porgo alla famiglia Gioco le mie condoglianze e dell’intera Regione – conclude Zaia –: il loro lutto coincide con una grande perdita per il mondo della ristorazione e della cultura del Veneto”.

Leggi anche:  Rubava creme al supermercato arrestata a Legnago