Durante un controllo all’aereoporto di Villafranca sono stati arrestati quattro spacciatori internazionali. I malviventi rischiano ora più di 20 anni di carcere

Arrestati quattro trafficanti di stupefacenti all’aereoporto Catullo: avevano ingerito 350 ovuli

La Guardia di Finanza di Verona, nell’ambito dei controlli svolti ai passeggeri in transito dall’aeroporto «Valerio Catullo», ulteriormente intensificati in questo periodo di maggiore afflusso turistico, ha arrestato quattro trafficanti internazionali di stupefacenti.

Droga nello stomaco per superare i controlli

La modalità di occultamento adottata è consistita nell’ingerimento di ovuli, i trafficanti si sono trasformati in veri e propri bodypackers. La sostanza stupefacente trasportata è del tipo eroina (oltre 2.800 grammi) e cocaina (circa 1.200 grammi), per un totale di oltre 350 ovuli. I «viaggiatori», tre uomini e una donna di origine nigeriana, di età compresa tra i ventinove e i ventidue anni, sono stati fermati venerdì sera all’atto dell’arrivo a Verona, con voli provenienti da Francoforte e Monaco di Baviera.

Trafficanti traditi dal nervosismo

Insospettiti dal loro fare guardingo e dalla fretta con cui cercavano di guadagnare l’uscita, non sono sfuggiti agli occhi attenti dei Finanzieri che li hanno subito fermati per un controllo. I dubbi sono diventati ancora più forti dal momento che i giovani ragazzi hanno da subito mostrato segni di nervosismo e insofferenza, affermando di essere dimoranti in Italia in quanto cittadini rifugiati. Il timore che gli stessi avessero potuto ingerire ovuli di sostanze stupefacenti è stato rafforzato dall’inziale ritrosia a rapportarsi con i finanzieri e dai continui tentativi di sottrarsi alle domande sulla ragione del viaggio e sulla tratta percorsa. Le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria e del Gruppo di Villafranca di Verona hanno proceduto, pertanto, a informare l’Autorità Giudiziaria e a procedere con gli ulteriori approfondimenti medici del caso.

Leggi anche:  La giovane madre che sceglie di morire per salvare la figlia

Il controllo in ospedale

Le radiografie a cui le stesse persone sono state sottoposte presso l’ospedale policlinico «Giambattista Rossi» di Borgo Roma hanno, in effetti, confermato i motivi di sospetto, dal momento che nel loro addome è stata riscontrata la presenza di numerosissimi ovuli. Sono stati poi ricoverati precauzionalmente presso i reparti di rianimazione degli ospedali di Verona, Villafranca, Peschiera e Negrar.

Rischiano fino a 20 anni di carcere

I quattro trafficanti sono stati tratti in arresto con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti e successivamente associati presso la casa circondariale di Verona, dove resteranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Si stima che la droga, risultata essere di ottima fattura, laddove fosse arrivata sul mercato del consumo avrebbe potuto fruttare non meno di 250.000 euro. I quattro rischiano, ora, una condanna la cui pena massima può raggiungere anche i vent’anni di carcere e una multa di 260.000 euro.

Resta sempre alta e vigile, soprattutto in periodo di maggiore afflusso turistico, l’attenzione della Guardia di Finanza nella tutela della legalità economico finanziaria negli snodi aeroportuali anche al fine di contrastare il traffico internazionale di sostanze stupefacenti. In tal modo, a tutela ulteriore della cittadinanza, si riducono le fonti di approvvigionamento degli spacciatori operanti nel territorio scaligero.

Durante un controllo all'aereoporto di Villafranca sono stati arrestati quattro spacciatori internazionali.