Arrestati tre ladri che operavano tra Verona e Vicenza. Da un furto del luglio 2017 fino alle spaccate di quest’anno e la raccolta di materiale che ha permesso ai carabinieri di San Bonifacio di risalire ai colpevoli.

La banda

Sono tre gli uomini arrestati nella mattinata di ieri, giovedì 15 novembre: P.F. albanese classe 1987, D.L. albanese del 1982, nullafacenti entrambi e senza fissa dimora e S.G. un italiano classe 1965, operaio di Arzignano. Tutti e tre pregiudicati per vari reati. Ora si trovano in custodia cautelare in carcere, P.F. è stato arrestato a Brescia,  D.L. a Lonigo e S.G. ad Arzignano. Il primo è in carcere a Brescia e gli altri a Vicenza.

L’origine delle indagini

Da un furto di luglio 2017 avvenuto a Caldiero in un’abitazione i carabinieri della Compagnia di San Bonifacio hanno iniziato le attività di indagine volte a raccogliere filmati e altro materiale per riuscire a risalire ai malviventi. Attraverso queste attività sono riusciti a risalire a dei personaggi noti alle forze dell’ordine, alla compagnia di San Bonifacio.

Altri furti e ricettazione

La banda operava in provincia di Verona e Vicenza e grazie all’operato dei militari dell’Arma sono riusciti a risalire a due furti in abitazione. Uno a Caldiero, a luglio 2017, dove sono stati sottratti orologi per un valore di 30 mila euro e 6 mila euro in contanti. L’altra rapina in abitazione a loro attribuita è avvenuta ad Altavilla Vicentina, a febbraio del 2018, dove sono stati sottratti una pistola, dei monili in oro e contanti.

I tre malviventi sono stati ritenuti responsabili anche di un furto a ottobre del 2017 a Illasi, in una ditta edile, dove avrebbero sottratto due mezzi da lavoro e vario materiale alla come pc, utensili, materiale ferroso. Su uno dei due mezzi c’è il sospetto che sia stato usato per le spaccate. Sempre loro risulterebbe essere il furto a gennaio del 2018 nella conceria Cocco srl di Arzignano dove hanno sottratto un carico del valore di circa 35 mila euro di fogli di pelle già semi-lavorati, trattati. Un carico che fortunatamente è stato in parte recuperato: una quantità di merce per un valore di circa 15 mila euro in un vecchio edificio abbandonato nel vicentino, vicino a Lonigo.

Leggi anche:  Lunedì lo sciopero nazionale del comparto aereo, disagi anche al Catullo

Non sono stati riscontrati episodi cruenti

Durante le attività dei carabinieri che si sono sviluppate tra dicembre del 2017 e aprile del 2018, fatte di osservazione, pedinamento e raccolta di elementi, i carabinieri sono riusciti a risalire ai tre ladri, alle loro abitudini e amicizie. Erano personaggi già noti alla Compagnia di San Bonifacio. Nelle diverse occasioni non sono stati riscontrati episodi cruenti. Erano malviventi che entravano in casa quando non c’erano le persone e nelle ditte operavano di notte.