Blitz anti degrado tre abusivi denunciati ai Biastioni.

Blitz anti degrado tre abusivi allontanati

Tre denunciati per danneggiamento, occupazione di edifici e deturpamento. È questo il risultato del nuovo duplice intervento, contro degrado e occupazioni abusive, che la Polizia locale ha effettuato, questa mattina presto. Il blitz, che ha impegnato quattro pattuglie, ha interessato i giardini dei Bastioni di Circonvallazione Maroncelli e l’area delle ex piscine Lido.

Sono intervenuti nel vallo sottostante

Ai Bastioni, gli agenti sono intervenuti nel vallo sottostante. Da lì, infatti, si può accedere a un’ampia stanza, interna alle mura di cinta, in cui tre persone (due cittadini romeni di 30 e 35 anni e un’italiana di 25) avevano ricavato una sorta di bivacco. Dopo aver tagliato e rimosso il lucchetto che chiudeva il cancello d’entrata, i tre abusivi si erano stabiliti all’interno della struttura portandovi anche suppellettili ed effetti personali. Gli agenti intervenuti hanno fatto sgomberare l’area da tutti gli oggetti e hanno denunciato gli occupanti irregolari. La struttura, poi, è stata riconsegnata a Legambiente, che ne cura la manutenzione e che ha provveduto a richiuderla con nuova catena e nuovi lucchetti.

Leggi anche:  Rapinatore maldestro si ferisce e fugge in bici dal Lidl

Blitz alle ex piscine

Gli agenti hanno poi proseguito il blitz alle ex piscine Lido. All’interno dell’area, che è chiusa al pubblico, non sono stati trovati occupanti abusivi, ma la presenza di danneggiamenti diffusi. “Le operazioni per garantire la sicurezza dei veronesi non vanno in vacanza – ha detto l’assessore alla Sicurezza Daniele Polato -. Lo dimostra questo blitz per il quale, ancora una volta, vanno ringraziati i cittadini. È attraverso le loro segnalazioni, infatti, che siamo intervenuti e abbiamo messo fine a una nuova occupazione abusiva. Proseguiremo con un controllo incessante del territorio perché è proprio da queste situazioni di degrado che possono nascere problemi per la vivibilità e la sicurezza dei quartieri”.