Sono state 48 ore di serrati controlli straordinari del territorio contro lo spaccio, quelli messi in atto dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Verona, insieme alle stazioni di Verona principale, San Giovanni Lupatoto, e al nucleo cinofili di Bolzano.

Le zone maggiormente interessate dai controlli dei carabinieri

Le zone maggiormente battute sono state quelle della stazione di Verona porta nuova, dei bastioni di circonvallazione Oriani, Riva San Lorenzo, e Veronetta : ben 40 le persone e 10 gli autobus controllati dai militari dell’Arma, “coadiuvati” dall’infallibile fiuto del cane antidroga che ha passato a setaccio gli zainetti dei ragazzi rientranti da scuola e in procinto di prender gli autobus, e non solo.

Cani antidroga

Il cane, Nico, infatti ha fiutato, ieri sera, sostanza stupefacente su ben tre extracomunitari: nonostante la loro abilità nell’occultarla, l’animale è stato impeccabile in tutte e tre le occasioni, segnalando alle pattuglie i tre giovani che hanno dovuto letteralmente “vuotare le tasche”.

Due giovani finiscono in manette

I primi due arresti sono scattati, in Veronetta, per un libanese classe 1997 ed un marocchino classe 1996, entrambi pregiudicati, per detenzione ai fini di spaccio in concorso: nel complesso, sono stati trovati in possesso di 9,5 grammi di eroina nonché della somma contante di 400€, ritenuta provento dell’illecita attività di spaccio. Questa mattina i due sono comparsi davanti al giudice per il rito direttissimo: arresto convalidato, nessuna misura applicata.

Leggi anche:  Giovane scappa alla vista dei carabinieri, scoperto con mezzo etto di droga

Arrestato un altro pregiudicato

Ma sempre nella notte di ieri, durante tale servizio di controllo a largo raggio, sono scattate le manette ai polsi di un altro soggetto: si tratta di un tunisino classe ’81, anch’egli pregiudicato, anch’egli arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Su di lui, sono stati rinvenuti circa 6 grammi di eroina e 2 di cocaina. Comparso davanti al giudice per la celebrazione del rito direttissimo questa mattina, è stato destinatario della misura dell’obbligo di presentazione alla PG. Infine, è stato denunciato a piede libero un rumeno, pregiudicato, per possesso ingiustificato di arma da taglio (si trattava di un coltello a serramanico).