Cani maltrattati a Grezzana, Villafranca e Dolcé. Sono stati tutti sequestrati: erano in condizioni pessime.

Cani maltrattati a Grezzana, Villafranca e Dolcé

Nei giorni scorsi i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Verona hanno proceduto, in località Coda di Alcenago del Comune di Grezzana, al sequestro di un cane detenuto a catena, da anni, isolato all’interno di un recinto realizzato in un bosco distante un centinaio di metri dall’abitazione della proprietaria.

Triste “spettacolo”

L’animale, un anziano cane meticcio, è stato trovato in pessime condizioni fisiche e psicologiche ovvero in cattivo stato di nutrizione, affetto da patologie e disturbi comportamentali, stante la prolungata privazione dei contatti sociali necessari a garantirne il benessere.

Il sequestro immediato

Al sequestro per il reato previsto dall’art. 727 co. 2 Codice Penale (Detenzione di animali in condizioni incompatibili con la natura), convalidato dal pm Bertini, è seguito l’affido in custodia giudiziaria dell’esemplare all’associazione di tutela Lav di Verona.

L’episodio di Villafranca

Tale episodio segue, a distanza di pochi giorni, due ulteriori sequestri di animali da compagnia eseguiti, in comune di Villafranca di Verona e di Dolcè, dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Costermano. Nel primo caso, il sequestro probatorio disposto dal pm Valeria Ardito, ha coinvolto un giovane esemplare di pastore tedesco che era detenuto in via continuativa all’interno del piccolo giardino retrostante l’abitazione del proprietario, in pessime condizioni igieniche e senza possibilità di esercizio fisico.

Leggi anche:  Escursionisti sperduti a Breonio, soccorritori li stanno cercando

E quello di Dolcé

Nel secondo caso, invece, il sequestro preventivo disposto dal gip Giuliana Franciosi, ha riguardato tre giovani cani meticci risultati abbandonati nel cortile dell’abitazione della proprietaria, senza possibilità di alimentarsi ed abbeverarsi quotidianamente. Tutti i cani oggetto dei sequestri da ultimo citati, sono stati affidati alla custodia giudiziaria dei rispettivi sindaci ed affidati alle cure del rifugio Enpa di Verona, località Bassona.