Il tribunale di Verona, nell’udienza con rito direttissimo, ha convalidato oggi l’arresto effettuato dalla Polizia municipale, con obbligo di firma 7 giorni su 7.

Si era presentato agli sportelli dell’anagrafe con documenti falsi

Ieri, infatti, il Nucleo Operativo di polizia giudiziaria della Polizia Municipale ha infatti arresto un 41enne cittadino moldavo, che si è presentato agli sportelli dell’Anagrafe di via Adigetto con una carta d’identità romena falsa. L’episodio ha subito insospettito il personale addetto alla ricezione della documentazione relativa all’iscrizione anagrafica. Accompagnato al Comando di via del Pontiere, il personale del Laboratorio Analisi Documentale, attivato di recente, ha accertato che il documento era interamente contraffatto ma idoneo ad ingannare la pubblica fede. Avvisato il pubblico ministero di turno, è stato tratto in arresto per possesso di documento falso ed accompagnato ai domiciliari in attesa del processo per direttissima. “Un esempio di efficienza degli uffici comunali, che vantano personale preparato ad ogni eventualità – ha detto l’assessore alla Sicurezza -. Ma anche di perfetta sinergia con la Polizia municipale, sempre impegnata per garantire la sicurezza a tutto campo, anche sul fronte dei reati documentali”