I Carabinieri di Bussolengo, dopo giorni di ricerche e accertamenti, hanno rintracciato e tratto in arresto T. F., classe ‘91, originario di Cecina (LI), cuoco e la compagna M. M., classe ‘82, originaria di Cecina, disoccupata dando così esecuzione agli ordini di esecuzione per la carcerazione n. 3612019 e 362/2019 SIEP, emessi dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Livorno, per aver commesso un furto in abitazione il 28 ottobre 2018 a Cecina.

Le indagini

Non è stato facile rintracciare la coppia per i Carabinieri che, avendo avuto notizia che avrebbero potuto trovarsi nel comune di Bussolengo, hanno avviato una serie di accertamenti e raccolto informazioni sui soggetti al fine di apprendere eventuali legami con persone residenti nel territorio e individuare i luoghi frequentati dagli stessi; fatto ciò, hanno quindi iniziato lunghe e accurate ricerche procedendo a mirati servizi di osservazione, controllo e pedinamento fino a quando, nel corso di un appostamento, non li hanno individuati mentre stavano entrando all’interno di un’abitazione sita in Via Roma. In quel momento i Carabinieri sono prontamente intervenuti e hanno bloccato la coppia, dichiarandola in stato d’arresto.

Leggi anche:  Regionale 10, saranno 4 giorni di passione

Si erano trasferiti a Bussolengo per eludere le ricerche

I due erano probabilmente venuti a conoscenza del provvedimento pendente nei loro confronti e si erano allontanati dal comune di residenza, trasferendosi in modo silente e repentino in un’abitazione sita a Bussolengo per eludere eventuali ricerche da parte delle forze di polizia con il chiaro intento di sottrarsi alla cattura; tale azione non è stata però sufficiente a trarre in inganno i Carabinieri e a garantire loro l’impunità, in quanto i militari, con pazienza e tenacia, sono comunque riusciti a individuarli. La coppia di malfattori è stata quindi condotta in caserma e, al termine di ulteriori accertamenti, è stata tradotta presso la Casa Circondariale di Verona Montorio, come disposto dall’A.G..