Due arresti all’aeroporto Catullo: un uomo era ricercato dal 2010. L’altro doveva scontare un anno e mezzo per minaccia con l’uso di armi.

Due arresti all’aeroporto Catullo: un uomo era ricercato dal 2010

Sabato sera, verso le 22, gli agenti della Polizia di Frontiera dell’Aeroporto di Verona hanno intercettato M.I, moldavo di anni 36, ricercato dal 2010 a seguito di condanna, emessa dal Tribunale di Verona, per molteplici furti in abitazione commessi nel territorio veronese. Lo straniero, arrivato direttamente dalla Moldavia con volo da Kisinev, tentava di confondersi tra i numerosi passeggeri in transito ma, una volta giunto al controllo, grazie alle verifiche nella banche dati della Polizia di Stato, lo stesso veniva riconosciuto come latitante, destinatario di una pena di un anno di reclusione per i reati ascrittigli.

Il secondo uomo bloccato

Il secondo uomo è stato invece fermato nel pomeriggio di domenica: D.L.R.D., cittadino domenicano di anni 37, appena giunto nel nostro Paese da La Romana (provincia della Repubblica Domenicana), veniva individuato dagli agenti della Polizia di Frontiera in mezzo alla folla di turisti italiani e sottoposto al controllo dei documenti di espatrio. Le verifiche effettuate consentivano di accertare, a carico dello straniero, una condanna a 1 anno e 6 mesi di reclusione, emessa, nel febbraio scorso, dal Tribunale di Rovereto per il reato di minaccia aggravata dall’uso di armi. Entrambi gli uomini sono stati tradotti presso il carcere di Montorio e messi a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.