Associazione derubata: sono finiti nei guai quattro ragazzini, tutti italiani e senza precedenti, responsabili di un furto aggravato ai danni della sede di una conosciutissima associazione di Soave che si occupa di promuovere il territorio attraverso l’organizzazione di attività artistiche, mostre collettive, personali e pubblicazioni artistiche.

Associazione derubata: la denuncia ai Carabinieri

I ragazzi si erano introdotti nella struttura tra il 10 ed il 17 febbraio scorso, asportando vario materiale elettrico ed attrezzature per un valore di 1.000 euro circa. A scoprire l’ammanco uno dei responsabili dell’associazione che, il successivo giorno 20, si è recato nella caserma dei Carabinieri di  Soave per denunciare l’accaduto.

Furto in associazione denunciati 4 giovanissimi

Refurtiva recuperata e restituita in associazione

Dopo un accurato sopralluogo e la minuziosa raccolta di elementi investigativi, i militari si sono messi sulle tracce dei rei che, una volta individuati, hanno ricevuto una “visita a casa” da parte dei carabinieri. Ciò ha consentito il recupero di tutta la refurtiva, già restituita all’associazione.

Furto in ditta a Tregnago

Solo una decina di giorni prima la stazione di Tregnago ha individuato gli autori di un furto aggravato ai danni di una ditta operante nel settore edile, 2 cittadini albanesi, un 23enne incensurato ed un 33enne con precedenti. Anche in quella circostanza le perquisizioni domiciliari presso le dimore dei due indagati hanno consentito di recuperare e restituire all’avente diritto attrezzi da cantiere e gasolio per il valore di 13.000 euro circa.