Nella serata di ieri, giovedì 17 maggio, intorno alle 20.00, sono arrivate diverse chiamate al 112 che raccontavano di un giovane che si aggirava in Corso Italia in stato di agitazione.

Calci e pugni ai carabinieri

Giunta una pattuglia della Stazione di San Bonifacio, alla vista dei militari, il ragazzo, che in quel frangente stava uscendo dal cinema, gli si è scagliato contro colpendoli con calci e pugni. Con non poca fatica, però, i Carabinieri sono riusciti a trattenere il giovane, ammanettandolo, ed a farlo entrare in macchina, aprendo con lo stesso un dialogo. Le parole degli uomini in divisa sono riusciti a calmare il ragazzo, identificato in un cittadino romeno cl ‘94, incensurato.

Sfonda la porta dell’ospedale per scappare

Calmati gli animi e giunti sul posto i sanitari del 118, lo straniero è stato accompagnato presso il locale pronto soccorso. Anche lì, approfittando del momento in cui si trovava senza manette ai polsi per consentire ai medici di visitarlo, il giovane ha tentato all’improvviso la fuga abbattendo la porta scorrevole della sala emergenze del pronto soccorso. Lo stesso è stato però nuovamente immobilizzato dai militari.
Nel corso delle fasi concitate i due Carabinieri hanno riportato entrambi lesioni guaribili in 5 giorni.

Leggi anche:  Molestie sul lungolago di Garda, arrestato un uomo per violenza sessuale

Positivo alla cocaina

Il reo, sul cui conto si è accertata clinicamente la positività alla cocaina, è stato dichiarato in stato d’arresto e piantonato presso il nosocomio dove è stato trattenuto in osservazione breve intensiva sono alla mattinata odierna. Comparso davanti al Giudice del Tribunale di Verona, questi ha convalidato l’arresto e ha disposto in capo al romeno l’obbligo di presentazione quotidiano ai Carabinieri. Udienza rinviata al prossimo 19 settembre.