(foto d’archivio)

Incidenti stradale: oggi siamo molto più egoisti rispetto a dieci anni fa. Una fotografia scattata dal  il comandante della Stradale veronese Girolamo Lacquaniti confrontando i dati relativi agli incidenti in autostrada del 2008 con quelli del 2018.

Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada

Una giornata per ricordarle e per riflettere. Si celebra in questo fine settimana di novembre la Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada. Per l’occasione il comandante della polizia Stradale veronese Girolamo Lacquaniti ha confrontato i dati degli incidenti in autostrada dal 1°gennaio al 16 novembre del 2008 e quelli del 2018.

Una fotografia sconcertante che mostra quanto stia cambiando la società. Ci sono sempre più omissioni di soccorso, fughe date da condizioni particolari di stress e poi le guide distratte. Meno autisti in stato d’ebbrezza, in aumento invece quelli che non usano gli auricolari o il vivavoce.

L’importante, come ha ricordato Lacquaniti, è prestare attenzione, perché “Avere ragione, se si perde la vita, conta ben poco”.

LEGGI ANCHE: Giornata Mondiale del Ricordo delle Vittime della Strada

Dati

20082018
INFORTUNISTICA
incidenti rilevati777605
incidenti mortali155
incidenti con lesioni322207
incidenti con danni440393
persone decedute185
persone ferite528394
DI QUESTI:
coinvolti veicoli commerciali sup 3,5 t345223
coinvolti veicoli trasportanti merce pericolosa4
coinvolti autobus97
fuga e omissione di soccorso221
CONTRAVVENZIONI
gareggiamento in velocità6
velocità pericolosa455595
eccessi di velocità19371349
uso dispositivi di illuminazione non corretto23232
uso del casco non corretto54
uso delle cinture di sicurezza non corretto512361
uso auricolare e vivavoce non corretto291672
veicolo non revisionato circolante in autostrada9688
guida sotto l’influenza di alcol195125
guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti1913

Un paese egoista

È la foto di un paese sempre più egoista e lo si capisce dall’aumento delle omissioni di soccorso in autostrada, uno dei punti di vigilanza “massima”. Da un’analisi di Lacquaniti, il fattore inquietante è la costante crescita di persone che utilizzano il cellulare alla guida e quella che ha chiamato una “chiusura nel nostro mondo”.