Un uomo è stato fermato e tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia venerdì 3 agosto a San Vito di Cerea.

Pregiudicato violento

Nella mattinata di ieri, venerdì 3 agosto, a San Vito di Cerea, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnago, hanno tratto in arresto, nella flagranza di reato, F.A. cl. 1965 di Cerea, già gravato da alcuni pregiudizi penali per reati specifici in relazione a maltrattamenti in famiglia.

Donna al pronto soccorso

Lo stesso giorno, nella sua abitazione che condivideva con P.G., cittadina slovacca classe 1971, sua attuale compagna, ha operato violenza sulla donna: di maltrattamenti, lesioni, percosse, ingiurie e minacce nei confronti della stessa, reiterate nel tempo sin dalla metà del 2017 e culminate in questo ultimo episodio che ha indotto la donna a fuggire dall’abitazione e a rivolgersi ai Carabinieri. I militari, dopo aver accompagnando la vittima al Pronto Soccorso, hanno raccolto la testimonianza, per poi recarsi immediatamente nell’abitazione dell’uomo, sorprendendolo nel proprio letto.

In carcere

 

Leggi anche:  Arrestati due spacciatori in un solo giorno a Porto San Pancrazio

Portato in caserma, i Militari del NORM hanno trovato concreti riscontri sulla fattispecie di reato in trattazione, sia attuali che pregressi, tanto da delineare un quadro comportamentale che, in piena sinergia con il Pubblico Ministero di turno – Dott. Sachar Paolo – della locale Procura della Repubblica, hanno portato all’arresto dell’uomo che, al termine delle incombenze di rito, è stato portato nella Casa Circondariale di Verona Montorio in attesa dell’udienza di convalida.