Che fine ha fatto il cellulare di Manuela Bailo, la trentacinquenne uccisa dall’ex amante? Come riferito da Brescia Settegiorni, nonostante le ricerche rimane ancora il mistero su dove sia il suo telefono e su cosa contenga di tanto importante da essere stato occultato con tanta cura.

“Si trova nel lago d’Iseo”

Fabrizio Pasini, l’ex amante di Manuela, reo confesso dell’omicidio, ha indirizzato gli inquirenti verso il lago d’Iseo dicendo di averlo gettato proprio lì. Da Ospitaletto è arrivato a Iseo, è passato per via Rovato con l’auto, ha abbassato il finestrino e ha gettato il cellulare. Sembra che se ne sia liberato tra il 28 luglio e i primi di agosto, subito dopo aver commesso l’efferato delitto.

I sommozzatori al lavoro

I sommozzatori, arrivati da Genova, hanno lavorato tutto il giorno per trovare lo smartphone sul limitare delle Torbiere. Nonostante gli sforzi, però, non è stato trovato ancora nulla.

I segreti del telefono scomparso

Ma cosa conteneva di tanto segreto quel telefono? Perché occultarlo con tanta cura? Sembra che dopo aver commesso l’omicidio, Pasini abbia inviato all’ex fidanzato della Bailo, Matteo Sandri, un ultimo messaggio fingendosi lei e cercare di depistare le indagini. Ma c’è dell’altro? Questo è proprio quello che gli inquirenti stanno cercando di scoprire.