Tragedia a Villafranca: si tratta di una morte per asfissia.

Morte per asfissia a Villafranca

Un camionista bielorusso è morto per asfissia durante le operazioni di pulizia di una cisterna a Villafranca di Verona. Sarebbe entrato ieri sera nella cisterna per le operazioni di pulizia, rimanendo asfissiato da una sostanza di nome pirite. Il veicolo è stato sottoposto a sequestro preventivo, ma pare che la causa sia stata la manovra dell’autista che non avrebbe aperto le bocche sopra la cisterna per arieggiare e sfiatare l’ambiente interno.

Il luogo del decesso

Nella mattinata di oggi, venerdì 18 gennaio, l’uomo è stato ritrovato in via Pasubio a Villafranca, in un parcheggio pubblico. Il decesso sarebbe avvenuto intorno alle 20 di ieri sera, infatti dal controllo del tachigrafo sarebbe emerso che il tir cisterna sarebbe fermo nel luogo da allora.

L’intervento

Al momento è ancora in corso l’intervento che coinvolge il personale del 118 sopraggiunto con un’ambulanza, gli agenti della polizia municipale di Villafranca che sono stati i primi ad intervenire sul posto, lo Spisal (Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro) e gli uomini dei vigili del fuoco del comando provinciale di Verona che sono intervenuti con due mezzi, tra cui il nucleo Nbcr, acronimo di nucleare – biologico – chimico – radiologico, il personale che viene impegnato ad operare nelle condizioni più difficili a causa della presenza di sostanze potenzialmente pericolose per la pubblica incolumità.