Oltre 20 kg di droga sul lago di Garda. Un’importante operazione del Nucleo Operativo della Compagnia di Caprino Veronese ha garantito uno spacciatore alla giustizia.

Arrestato spacciatore

Il Nucleo Operativo della Compagnia dei carabinieri di Caprino venerdì 26 ottobre ha arrestato uno spacciatore marocchino in un residence a San Benedetto di Lugana, frazione di Peschiera del Garda.

Somiglianza con Neymar

I carabinieri di Caprino hanno avuto una serie di segnalazioni di questo ragazzo che ha lavorato anche stagionalmente sul lago di Garda. “Non avevamo le generalità di questa persona. Il dato significativo è che ci veniva descritto molto simile a un giocatore di calcio famoso: Neymar” ha spiegato il comandante di Compagna, Maggiore Christian Arvoti durante la conferenza stampa di questa mattina.

Le operazioni hanno portato i carabinieri in un residence di San Benedetto di Lugana e attraverso la targa del motorino sotto casa sono risaliti all’identità del proprietario e appreso che lo stesso coincide con l’uomo che stavano cercando.

Leggi anche:  Lunedì lo sciopero nazionale del comparto aereo, disagi anche al Catullo

Oltre venti chili di droga

Si tratta di Rachid Cherhi, marocchino di 22 anni incensurato e residente nel modenese, ma alloggiato nell’appartamento dove è stato fermato senza regolare contratto d’affitto. Addosso al giovane sono stati ritrovati 11 grammi di cocaina e le chiavi di un appartamento.

il luogotenente Marco Del Ton

In casa sono stati trovati 21 chili e 700 grammi di Hashish, altri 89 grammi di cocaina e un grammo e mezzo di marjuana. Un quantitativo di droga che potrebbe valere 240 mila euro.

Rimane in carcere

Cherhi era una persona abbastanza nota nello spaccio locale. L’uomo è stato portato in carcere e rimane nella Casa Circondariale di Montorio.