Omicidio Isola Rizza, regolamento di conti per droga.

L’agguato nel parcheggio del Volo Leggero

Un vero e proprio regolamento di conti per la droga. Sarebbero queste le premesse dietro all’omicidio avvenuto ieri, intorno all’ora di pranzo, nel parcheggio del ristorante Volo Leggero di Isola Rizza. La vittima è Ervin Karafili, che aveva 34 anni, ed abitava a Caldiero. Era conosciuto dagli inquirenti che lo ritenevano un pusher di basso livello.

La dinamica dell’esecuzione

L’assassino sembra avesse pianificato tutto. Da quanto si apprende da diverse fonti, infatti, sembra che Ervin sia stato “accompagnato” fino sul luogo dell’omicidio per poi essere freddato. Diversi sono stati i colpi d’arma da fuoco esplosi: fatale quello che entrando dall’ascella destra ha poi perforato il polmone, provocando la fuoriuscita ematica dalla bocca. Dalla visione delle telecamere si evidenzierebbe un continuo via vai di auto prima dell’esecuzione.

Già fermate due persone

I Carabinieri hanno subito avviato le indagini. Sul posto sono arrivati i militari della compagnia di Legnago, ma anche quelli della Sezione investigativo scientifica, del Nucleo investigativo, del reparto operativo e lo stesso comandante provinciale colonnello Pietro Carrozza. Due persone sono state rintracciate e accompagnate nel tardo pomeriggio al comando dei CC:  si tratterebbe di due persone molto vicine alla vittima e che potrebbero essere stati con la vittima al momento dell’assassinio.

Leggi anche:  Pusher veronese arrestato dalla Polizia

LEGGI ANCHE:

Ucciso in strada con un colpo di pistola a Isola Rizza AGGIORNAMENTO