Macabra scoperta nel pomeriggio di ieri, 13 novembre, quando è stata trovata una testa di lupo mozzata in provincia di Torino. Non accennano a diminuire, dunque, gli episodi di violenza contro i lupi, come accaduto un mese e mezzo fa anche in provincia di Verona, precisamente in Lessinia.

Testa di lupo mozzata

È stato un passante a trovare lungo la strada provinciale 1, tra Lanzo e Germagnano, provincia di Torino, una testa di lupo mozzata, appesa ad una cartello della segnaletica stradale. Secondo i carabinieri di Lanzo, che stanno indagando sull’accaduto, il messaggio sarebbe chiaro: «Qui i lupi fanno questa fine».

Anche a Verona

Anche in provincia di Verona è avvenuta, un mese e mezzo fa, l’uccisione di un lupo. Nei pressi di San Rocco di Piegara, vicino a Roveré Veronese, in Lessinia, un esemplare di maschio adulto, di circa 40 chili, era stato ammazzato con un fucile caricato con cartucce a pallettoni. Allora, come accaduto in questi giorni, si levarono un coro di critiche e indignazioni per l’uccisione dell’animale e per i metodi brutali. Oggi ci ha pensato il Wwf a commentae amaramente quanto accaduto: «Siamo di fronte ad all’ennesimo ignobile atto di bracconaggio. Il Wwf chiede che ci sia un rapido intervento dei carabinieri forestali e che la Procura attivi tutte le procedure necessarie per perseguire e punire i responsabili di questo vero e proprio scempio contro la natura».

Leggi anche:  Drammatico incidente in A4, un automobilista è deceduto