Lesioni personali finalizzate alla resistenza a Pubblico Ufficiale, rifiuto di fornire le proprie generalità e danneggiamento aggravato: sono questi i reati contestati a due romeni arrestati ieri pomeriggio dagli agenti delle Volanti della Questura di Verona.

Ubriachi hanno creato il caos in strada

L’intervento della Polizia è stato richiesto richiesto, intorno alle 14.30, da diversi cittadini in transito in via del Pestrino. In particolare, una donna ha segnalato la presenza di due uomini che, dal centro della carreggiata, dopo aver intimato l’alt, si erano avvicinati alla sua auto provando ad aprirne la portiera. Lei, spaventata, era riuscita fortunatamente ad allontanarsi e, una volta al sicuro, ha allertato il 113.

L’arrivo delle volanti

Gli operatori di Volante, giunti sul posto, hanno notato immediatamente i due soggetti che, barcollando in mezzo alla strada, oltre a mettere a repentaglio la propria incolumità, costringevano gli automobilisti in transito a compiere pericolose manovre per evitare di investirli. Affiancati ed invitati a spostarsi a margine della carreggiata, gli stessi, mostrandosi immediatamente poco collaborativi, hanno rifiutato di fornire le proprie generalità e hanno iniziato, ben presto, a proferire nei confronti dei poliziotti parole offensive, dimostrando un’evidente insofferenza al controllo.

Un poliziotto ferito a una mano

Alterati dal palese abuso di bevande alcoliche, in breve tempo, i due uomini sono diventati sempre più aggressivi al punto da scagliarsi contro gli agenti nel tentativo di guadagnare la fuga. Prontamente, gli operatori di polizia, uno dei quali è rimasto ferito ad una mano durante la
colluttazione, sono riusciti a bloccare entrambi gli stranieri e a metterli in sicurezza all’interno delle auto di servizio giunte in ausilio sul posto.

Leggi anche:  Inseguimento per le vie di Parona, arrestato un pregiudicato

Uno dei due ha sfondato il vetro della portiera dell’auto della polizia

Durante il tragitto verso gli Uffici di Lungadige Galtarossa i fermati hanno continuato a dare in escandescenze, insultando l’equipaggio e sbattendo la testa contro la struttura divisoria in plexiglass interna all’auto di servizio. Uno di loro è riuscito addirittura a sfondare a calci il vetro della portiera posteriore dell’autovettura, danneggiando irreparabilmente lo sportello.

I due romeni arrestati

Gli stranieri, identificati per Daraban Alin Iulian, pregiudicato di ventotto anni, e Polak Adrian, quarantunenne incensurato, sono stati, dunque, tratti in arresto e associati presso le camere di sicurezza della Questura in attesa del rito direttissimo. Nella mattinata odierna il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto per Daraban la misura cautelare del divieto di dimora nella Provincia di Verona e ha rinviato il processo il prossimo 18 febbraio.