Prostituzione sequestrato l’appartamento del sesso a Casaleone.

L’irruzione dei Carabinieri

I Carabinieri della Stazione di Sanguinetto qualche giorno fa fecero irruzione in un appartamento in Casaleone perchè era stato segnalato un insolito via vai di persone e quindi vi era il sospetto che ci fossero delle donne che si prostituivano; i militari una volta entrati appurarono proprio questo, ossia la presenza di due donne di origini cinesi le quali venivano identificate in L. X. classe 1971, separata e clandestina e X. C. classe 1963, residente a Sesto San Giovanni (MI), pregiudicata, regolare.

Una denuncia e un arresto

Mentre quest’ultima veniva denunciata a piede libero per favoreggiamento della prostituzione, la prima è stata tratta in arresto per aver fornito false generalità a un Pubblico Ufficiale, venendo ristretta nelle camere di sicurezza della Compagnia di Legnago. Poi, durante la direttissima del giorno dopo, il giudice ha convalidato l’arresto e rimesso in libertà la donna.

Il sequestro dell’appartamento

Infine i militari hanno chiesto e ottenuto dall’Autorità Giudiziaria il sequestro dell’appartamento in quanto utilizzato per commettere il reato di sfruttamento della prostituzione e l’altro ieri c’è stata l’apposizione dei sigilli da parte dei militari della Stazione di Sanguinetto.