Protezione Civile in lutto, si è spento il padre fondatore Zamberletti. In politica per diverse Legislature, ha vissuto dalla parte dell’intervento grandi eventi sismici come i terremoti che hanno colpito Friuli ed Irpinia.

Il triste annuncio

La triste notizia della perdita del politico Giuseppe Zamberletti è stata divulgata dal Dipartimento della Protezione Civile, che perde il suo padre fondatore. Zamberletti è considerato colui che ha infatti favorito la nascita del Dipartimento della Protezione civile della Presidenza del Consiglio, oltre all’introduzione del concetto di previsione e prevenzione distinto dalle attività di soccorso, l’organizzazione del servizio nazionale in tutte le sue componenti, la valorizzazione degli enti locali e del volontariato ed anche l’avvio della riforma del settore che culminerà con l’approvazione della legge n.225 del 24 febbraio 1992.

Giuseppe Zamberletti

Nato a Varese il 17 dicembre del 1933 venne eletto alla Camera dei deputati nella Circoscrizione Como-Sondrio-Varese per la Democrazia Cristiana il 19 maggio del 1968. Zamberletti entrò nell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa.

Nel 1972 venne rieletto deputato, entrò poi a far parte del Governo come Sottosegretario all’Interno nel IV e V Governo Moro e nel III Governo Andreotti, con delega per la Pubblica sicurezza e per il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco e Protezione civile.

Un uomo che ha vissuto dalla parte dell’intervento i terremoti in Friuli nel 1976 e in Irpinia nel 1980 quale Commissario del Governo incaricato del coordinamento dei soccorsi, oltre alle varie Legislature succedutesi come uno dei protagonisti. Era da tempo malato e si è spento sabato 26 gennaio 2019 all’ospedale di Varese.

Leggi anche:  Esce per un giro in moto ma non ritrova più la strada di casa

Giuseppe Zamberletti

Il cordoglio del Dipartimento

Il Dipartimento della Protezione Civile annunciando la scomparsa dell’Onorevole Giuseppe Zamberletti, che si è spento nella sua Varese, esprime il più profondo e sincero cordoglio e si unisce al dolore dei suoi familiari. “Oggi perdiamo uno straordinario conoscitore delle fragilità del nostro Paese – ha detto il Capo Dipartimento Angelo Borrelli – che per primo intuì la necessità di distinguere la fase del soccorso in emergenza da quella fondamentale della previsione e della prevenzione dei rischi naturali, eleggendole a cardine dell’autoprotezione. Ci ha insegnato a riconoscere la cultura della protezione civile come sapiente tutela della salvaguardia della vita e dei beni comuni, ma ha svolto anche l’importante funzione di guida morale e costante riferimento per lo svolgimento del nostro sevizio. Gli uomini e le donne della protezione civile gli saranno per sempre debitori. Oggi il Servizio Nazionale non perde solo il suo fondatore ma anche un amico, un maestro, una guida. Questo è stato, in questi anni, per tutti noi e per i tanti volontari italiani”.