Pusher veronese arrestato dalla Polizia.

Arrestato dalla Polizia un pusher 32enne

L’assiduo impegno degli operatori della Polizia di Stato scaligera ha condotto al conseguimento di un altro importante successo nell’attività di prevenzione e contrasto del fenomeno dello spaccio e del traffico illecito di sostanze stupefacenti. Questa volta, il ritrovamento della droga è stato reso possibile grazie alla costante attività di monitoraggio svolta dagli agenti della Divisione Anticrimine e orientata ad evitare che soggetti sottoposti a misure alternative alla detenzione violino le disposizioni dell’Autorità Giudiziaria.

L’operazione, nello specifico, ha consentito di arrestare un cittadino italiano di trentadue anni e di sequestrare circa 47 grammi di eroina, 1,50 grammi di cocaina, 15 boccette di metadone e 4 grammi di marijuana. Parte dello stupefacente è stato trovato nelle tasche dell’uomo, intercettato dagli agenti, intorno alle 22 di martedì, all’interno dell’abitazione di una donna nei confronti della quale era stato disposto l’obbligo di dimora con permanenza notturna dalle ore 20 fino alle 8 del mattino. Durante le verifiche, i poliziotti si sono insospettiti per l’agitazione smisurata manifestata dal giovane nel corso del controllo e, così, dopo aver accertato la regolare presenza in casa della sorvegliata, hanno deciso di procedere alla perquisizione del trentaduenne. L’operazione ha consentito di rinvenire dapprima, tra gli indumenti dell’uomo, 7 involucri di eroina e due di cocaina, nonché diverse siringhe. Il resto della droga è stato trovato, più tardi, a Grezzana, all’interno dell’abitazione dell’arrestato dove gli agenti delle Volanti hanno recuperato anche il materiale utilizzato per il frazionamento e il confezionamento dello stupefacente in singole dosi.

Il giovane in carcere: convalidato l’arresto

Il giovane veronese è, dunque, finito in manette e, su disposizione del Pubblico Ministero, è stato tradotto in carcere.

Nella tarda mattinata odierna il G.I.P., dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto nei confronti di S.A., già noto alle forze dell’ordine per reati in materia di stupefacenti, la misura della custodia cautelare in carcere.