Rapina a Nogarole Rocca, assolti gemelli albanesi: “Troppo uguali”. Ancora un assoluzione: hanno un Dna praticamente identico.

Rapina a Nogarole Rocca, assolti gemelli albanesi: “Troppo uguali”

Un’altra assoluzione per i gemelli albanesi di 34 anni, Eduard ed Edmond Trushi, residenti a Castiglione delle Stiviere (Mantova), indiziati come responsabili di diversi furti in appartamenti in tutto il Nordest. Questa volta è stato il Tribunale di Verona a mandarli assolti. La ragione è semplice quanto incredibile: oltre ad essere identici, con la stessa pettinatura e gli stessi tatuaggi, hanno un Dna praticamente identico e indistinguibile con le tradizionali comparazioni. E’ proprio il corredo genetico a salvarli.

L’ultima assoluzione per fatti veronesi

Nel 2010, infatti, uno dei due aveva fatto irruzione in un appartamento di Nogarole Rocca per compiere un furto, e aveva malmenato il nipote dell’anziana proprietaria di casa che l’aveva sorpreso, dandosi poi alla fuga. Allora aveva perso il cappellino che conteneva tracce di sudore, da cui è stato estratto il Dna che inchiodava il giovane. Ma anche questa volta, la difesa ha ottenuto l’assoluzione perché i due profili genetici sono indistinguibili e non si può rischiare di condannare il fratello sbagliato.

Leggi anche:  Maltratta la moglie: allontanato tenta di avvicinarla

“Servirebbero analisi molto complesse”

«Per rilevare quelle piccole differenze nel codice genetico servirebbero analisi particolarmente complesse con l’intervento e la collaborazione di laboratori altamente specializzati» ha confessato un esperto di polizia Scientifica a Repubblica, che ha diffuso la notizia.

L’avvocato: “Tre assoluzione consecutive”

Sempre il quotidiano ha poi sentito l’avvocato dell’assolto, Fabio Porta, del foto di Verona: «Ben tre procedimenti penali pendenti si sono trasformati in altrettante assoluzioni per lo stesso motivo. Le indagini basate esclusivamente sul Dna con i fratelli Trushi non portano da nessuna parte, perché non c’è modo di determinare oltre ogni ragionevole dubbio che si tratti dell’uno o dell’altro».

Foto tratta da Repubblica