Giovanissimi a volto coperto hanno messo in atto una rapina oltre confine tre uomini finiscono a Montorio. Una collaborazione tra corpi di polizia italiana e svizzera che non ha lasciato scampo ai malviventi.

I sospettati

Si tratta di tre cittadini francesi di 18, 22 e 24 anni sospettati di furto. Come si legge in un comunicato della polizia cantonale, poco dopo le 4 del mattino di giovedì 16 agosto, la polizia cantonale dei Grigioni ha ricevuto l’allarme per un furto in una bigiotteria nel villaggio di Samnaun, dove i malviventi hanno speronato la porta d’ingresso dell’azienda con un fuoristrada. Entrati nella gioielleria hanno trafugato orologi e gioielli ben occultati poi all’interno di alcuni sacchi. Il valore della refurtiva è stato stimato intorno a centinaia di migliaia di franchi svizzeri.

L’arresto

I tre uomini sono stati fermati e arrestati in autostrada nelle vicinanze di Verona e portati nel carcere di Montorio venerdì 17 agosto.

La collaborazione tra paesi

Dai sospetti alla collaborazione tra Italia e Svizzera sono state messe le manette a tre giovani francesi trovati a bordo della Mercedes grigia, la stessa che sembra essere stata usata per la fuga dopo la rapina. L’auto segnalata è stata avvistata in Trentino Alto Adige.

Leggi anche:  Verona maglia nera in Veneto per le morti sul lavoro