In Olanda aveva una piantagione di cannabis da 550 piante. In vacanza sul lago di Garda, è stato arrestato a Peschiera.

Ricercato olandese con una piantagione di cannabis arrestato a Peschiera

I Carabinieri della Stazione di Peschiera del Garda hanno tratto in arresto in esecuzione di mandato di arresto europeo G. M., olandese, classe ’76, disoccupato, positivo in Banca Dati per reati in materia di sostanze stupefacenti commessi nei Paesi Bassi.

La piantagione in Olanda

In particolare l’uomo, il 26 aprile scorso, mentre era alla guida di una Volkswagen Golf, era stato sottoposto a controllo dalla Polizia olandese e, a seguito di perquisizione veicolare, venivano rinvenuti una serie di strumenti, nonché specifici fertilizzanti utilizzati solitamente per coltivare una piantagione di sostanze stupefacenti. Da quel momento è scaturita un’indagine, a seguito della quale la Polizia olandese ha scoperto una piantagione di cannabis composta da circa 550 piante; ulteriori accertamenti hanno permesso di appurare che tale terreno risultava regolarmente affittato da G. M. pertanto, avendo raccolto elementi inconfutabili in ordine alla sua colpevolezza, gli agenti si sono attivati al fine di rintracciarlo per trarlo in arresto.

La fuga in Italia

G. M. però, avendo verosimilmente appreso di essere ricercato, si è dato alla fuga rendendosi irreperibile dall’aprile 2019 allorquando, molto probabilmente, aveva deciso di lasciare i Paesi Bassi. A quel punto è stato emesso un mandato d’arresto europeo dalle Autorità olandesi e sono state avviate una serie di indagini congiunte e in collaborazione tra forze di polizia di vari Stati per addivenire al suo rintraccio.

Leggi anche:  Coltivava marijuana in casa: arrestato 57enne di Zevio

La vacanza sul lago di Garda

Grazie ad una efficace attività informativa svolta dai Carabinieri della Stazione di Peschiera del Garda, si è appurato che il predetto si trovava in vacanza sul Lago di Garda e stava alloggiando presso una struttura ricettiva di quel comune. A tal punto i militari hanno prontamente svolto attente e mirate ricerche, riuscendo ad individuare la struttura ove lo stesso alloggiava e si sono portati sul posto per catturarlo. Al momento del controllo, tuttavia, l’uomo non era in camera poiché si era allontanato per fare una passeggiata poco prima pertanto i militari si sono immediatamente attivati al fine di rintracciarlo e, dopo ore di serrate ricerche e mirati servizi di osservazione nei pressi della struttura, sono riusciti a individuarlo e bloccarlo mentre si stava accingendo a rientrare in albergo per pranzare nella tarda mattinata del 10 giugno.
M. G. è stato quindi tratto in arresto in esecuzione del mandato di arresto e, successivamente, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Verona Montorio, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.