Ritrovata escursionista in Valsorda. La donna ha affrontato una notte all’Addiaccio dopo aver perso l’orientamento.

Ritrovata la donna

Escursionista ritrovata oggi, venerdì 26 ottobre, dal Soccorso alpino di Verona un’escursionista che ha passato la notte all’aperto dopo essersi persa in Valsorda, nella zona del ponte tibetano.

Aveva perso l’orientamento

La donna, una quarantunenne di Verona, era partita ieri mattina per la sua escursione, ma dopo aver a lungo camminato aveva perso l’orientamento. Arrivato il buio, non essendoci copertura telefonica, si era preparata a passare la notte dove si trovava, riparandosi il più possibile.

Irraggiungibile

Oggi fortunatamente è riuscita a rispondere a un messaggio del suo datore di lavoro, che era preoccupato per la sua assenza, e gli ha chiesto di allertare i soccorsi, scrivendogli di essersi smarrita e di aver passato la notte fuori. Poi il cellulare non è stato più raggiungibile.

Le squadre

Dopo che i carabinieri ne hanno rinvenuto l’auto parcheggiata a Malga Biancari, punto in cui si comincia la camminata verso il ponte tibetano, i soccorritori, allertati alle 14.15 circa dalla Centrale di Verona emergenza, si sono suddivisi in squadre, partendo con la perlustrazione dell’area sia dal basso che dall’alto.

Ha risposto ai richiami

Attorno alle 15 il primo contatto vocale, quando un tecnico che percorreva il sentiero nel vajo l’ha sentita rispondere ai richiami e l’ha individuata, una settantina di metri più sopra, in un ripido dirupo dove si era spinta seguendo la traccia di qualche animale. Una volta raggiunta dalla squadra, l’escursionista, stanca e debilitata, è stata assicurata e aiutata a tornare sul sentiero e da lì alla macchina.