Seminano il panico in paese, arrestati due uomini. Una domenica di paura fortunatamente bloccata e vanificata dai militari dell’Arma che non hanno esitato davanti alla violenza di un abusivo e di nudo importunatore.

Occupazione abusiva

Doveva essere un tranquillo pomeriggio domenicale di fine anno, ma per alcuni cittadini di San Bonifacio si è trasformata in un autentico pomeriggio di paura. Erano circa le 13 quando i militari dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti in una casa disabitata del centro, all’interno della quale la figlia del proprietario, al momento all’estero, ha occasionalmente sorpreso il diciannovenne M.H., cittadino marocchino residente nel siracusano, di fatto senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato.

Percosse e violenza

Lo straniero, che vi si era introdotto forzando con un coltello gli infissi della finestra, probabilmente a conoscenza del fatto che lo stabile fosse in disuso ed avendo l’intenzione di stabilirvi la propria dimora, ha reagito con violenza all’invito di andarsene, iniziando a percuotere la donna ed i familiari coi quali era in compagnia. Solo l’immediato intervento dei militari ha scongiurato il peggio: alla loro vista M.H. ha tentato di fuggire attraverso la finestra, spintonando e scalciando gli operanti, ingaggiando una breve colluttazione prima di essere immobilizzato ed arrestato con l’accusa di resistenza a Pubblico Ufficiale. Fortunatamente, in tale occasione, nessuno ha riportato lesioni.

Nudo per protesta

Dagli esiti ben più gravi l’episodio rocambolesco di violenza gratuita accaduto all’interno del negozio di telefonia “Vodafone” del Centro Commerciale di Via Sorte: erano circa le 19 quando il trentaduenne E.H.C., cittadino marocchino regolare, dimorante a Monteforte d’Alpone, versando in palese stato di alterazione psicofisica da ubriachezza, si è presentato nel negozio pretendendo che gli venisse fornito un telefono nuovo stipulando un contratto senza fornire il documento d’identità. Al diniego della commessa, lo straniero ha dato in escandescenze, si è denudato inveendo in lingua araba contro tutti i dipendenti ed i clienti presenti, letteralmente costretti a fuggire per evitare l’aggressione fisica.

Leggi anche:  Spaccio, in manette un 28enne noto alle forze dell'ordine

Calci e pugni ai militari

Provvidenziale, anche in questo caso, l’intervento dei militari delle pattuglie dell’Aliquota Radiomobile e della Stazione di Soave, che hanno dovuto fronteggiare e contenere, con molta fatica, la furia incontrollata dell’energumeno che proprio non voleva saperne di calmarsi. Anziché desistere dal suo folle comportamento, E.H.C. ha spintonato gli operanti, dando luogo ad una violenta colluttazione per evitare di essere ammanettato, sferrando loro calci e pugni prima di essere finalmente immobilizzato. Durante tali fasi, due militari sono rimasti feriti e sono ricorsi alle cure mediche del Pronto Soccorso del locale nosocomio per i traumi contusivi riportati.

La direttissima

I due arrestati sono stati ristretti nelle camere di sicurezza della Compagnia dei carabinieri di San Bonifacio, dove hanno trascorso la notte, comparendo nella mattinata di ieri dinnanzi al Giudice del Tribunale di Verona che, dopo aver convalidato l’operato dei Carabinieri, ha condannato i due rei rispettivamente a 2 mesi e 20 giorni di reclusione ed a 4 mesi di reclusione, per entrambi pena sospesa.

 

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Iscriviti al nostro gruppo Facebook Verona e Provincia Eventi & News!

E segui la nostra pagina Facebook ufficiale Verona Settegiorni: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Vuoi ritrovare Veronasettegiorni.it sul desktop del tuo smartphone?
LEGGI ANCHE: Come aggiungere il nostro sito alla schermata home del cellulare