Sfratto polizia stradale bloccato, il tempo stringe. La Prefettura ha momentaneamente sospeso il provvedimento. Zorzi tocca la questione “sicurezza” nella zona del lago di Garda veronese.

L’interrogazione di Zorzi

Quale futuro per la polizia stradale a Bardolino? Da nove anni il distaccamento di via Leopardi è sottoposto a uno sfratto esecutivo, bloccato temporaneamente su iniziativa della prefettura. Ma il tempo stringe e, in mancanza di una soluzione, la sede rischia di essere trasferita altrove, con gravi ricadute sulla sicurezza del centro gardesano. È quanto denuncia, in un’interrogazione, il consigliere comunale Pierangelo Zorzi (Lega — gruppo consiliare “Conto anch’io”). “In tutti questi anni non è stata trovata una soluzione — spiega Zorzi — ora occorre dare una risposta celere. Le condizioni critiche in cui versa la struttura, le pressioni da parte del privato per trasformare l’immobile in qualcosa di più redditizio rendono urgente il trasferimento. Il tutto, mentre altri paesi del territorio, da Torri del Benaco a Castelnuovo del Garda farebbero carte false per ospitare il comando e, in alcuni casi, si stanno già organizzando”.

Servizio indispensabile

La polizia stradale ha una sede a Bardolino dal 1957. In oltre sessant’anni ha fatto un trasloco: prima che in via Leopardi si trovava in via Marconi nell’attuale sede della Guardia di Finanza. “Da allora sono cambiate molte cose — avverte Zorzi — Bardolino è diventato un importante centro turistico e durante il periodo turistico vede la presenza di circa 150 mila persone. Si trova anche in una situazione delicata dal punto di vista viabilistico, come purtroppo dimostrano i molti incidenti, anche gravi, che si sono susseguiti negli anni. È chiaro che, nella malaugurata ipotesi in cui si dovesse trasferirsi il distaccamento, il Comune dovrebbe correre ai ripari, per esempio, con l’assunzione di nuovi agenti di polizia municipale. Il sindaco si è almeno posto il problema? A giudicare dal suo silenzio su questo tema, sembrerebbe proprio di no”.

Leggi anche:  Si schiaccia le gambe con il muletto a Soave

Una possibile soluzione

Secondo Zorzi, gli immobili candidati a ospitare la polizia stradale non mancano. “Con i dovuti interventi si può pensare alla sede dei vigili del fuoco, in via Gardesana dell’Acqua — afferma Zorzi— il vantaggio indubbio consiste nel fatto che sarebbe possibile sfruttare una serie di servizi in comune. Oppure dov’era un tempo, nei pressi della tenenza della Gdf o della stazione dei carabinieri, che potrebbe essere sottoposta a un intervento di ampliamento. Insomma, le opzioni non mancano, così come non manca la disponibilità degli agenti a rimanere a Bardolino, dove molti di loro hanno famiglia. Quello che manca, purtroppo, è la volontà politica, almeno a livello locale”.