Sicurezza arilicense, ci pensano le forze dell’ordine. Tra assuntori, ladri e delinquenti, in manette, segnalate e denunciate diverse persone in sole 12 ore.

Un sistema integrato di sicurezza

Venerdì 13 luglio di fuoco. Un giorno di quotidiana vita lacustre, si è trasformato in una serie di arresti, fermi e denunce a Peschiera del Garda. Tutto questo grazie all’0perazione congiunta di carabinieri della Compagnia di Peschiera del Garda, la Polfer e e la polizia locale arilicense, insieme a denunce e segnalazioni di cittadini hanno messo a segno una serie di “colpi”.

In stazione

In dodici ore sono stati segnalati sedici ragazzi alla Prefettura di Verona quali assuntori di sostanze stupefacenti. Le sostanze trovate sono state:  marjuana, hashish, cocaina ed eroina per un quantitativo totale di 50 grammi. Questa droga è stata considerata riconducibile a quello che viene definito di “uso ricreativo” quindi esula dallo spaccio, perché in dose minima.

Arresto in spiaggia

Un algerino classe 1986 con tre pagine di precedenti è stato notato nella zona della spiaggia dei Pioppi, frequentata principalmente da turisti nord europei. I sospetti sono nati dalla borsa e dalla catena per biciclette al posto della cintura. Il controllo: coltello di 30 centimetri, eroina e carte di credito rubate. Le carte di credito hanno permesso ai carabinieri di Peschiera del Garda di tracciare il percorso del pluripregiudicato: dalla Puglia è salito al nord Italia mettendo a segno diversi furti durante il suo viaggio. Prima di salire in macchina con i carabinieri ha “messo in sicurezza” una bicicletta dal valore di 2000 euro, probabile provento di furto.

Leggi anche:  Morto il clochard dato alle fiamme a Villafranca

 

Furti in abitazione

Una gitana francese classe 1998, insieme a una complice senza precedenti, è stata fermata dai carabinieri arilicensi. La giovane si aggirava in una zona residenziale turistica con “fare furtivo e sospetto”. In quella zona, nei giorni precedenti, sono stati segnalati diversi furti. I carabinieri hanno così deciso di fermarle e hanno scoperto che la gitana risultava essere ricercata da diverse procure per furto.

Furto di borsa

Altro caso, sempre nella giornata di venerdì 13 luglio. Questa volta si è trattato di una donna albanese, classe 1995, desiderosa di possedere una borsa dal valore di 400 euro, ne ha presa una in un negozio di Peschiera del Garda, senza però passare alle casse. Dopo essere stata inseguita dalle commesse del negozio, ha tentato la fuga anche dai carabinieri che, alla fine, l’hanno presa.

 Denunciato un ventenne

È finito nelle mani dei carabinieri di Peschiera del Garda anche un marocchino ventenne pluripregiudicato sprovvisto di documenti. Nei suoi confronti è stata avviata la procedura di espulsione.