Sorpreso a rubare nelle auto in sosta. Arrestato italiano di cinquantuno anni.

Furto aggravato

La notte scorsa gli agenti delle Volanti della Questura di Verona hanno arrestato un italiano ultracinquantenne resosi responsabile del reato di furto aggravato.

La richiesta di intervento

Intorno alle 23.30 di ieri sera, venerdì 4 maggio, un cittadino derubato a bordo della propria autovettura, posteggiata in via Pallone, ha richiesto l’intervento degli agenti.

La seconda denuncia in pochi minuti

Mentre gli agenti della Centrale Operativa stavano avvisando la Volante più vicina, è arrivata una seconda telefonata con cui un uomo denunciava la presenza, in via del Pontiere, di un soggetto che, accostandosi a tutte le auto in sosta, tentava di forzarne lo sportello.

Ammissione di colpa

Alla luce delle descrizioni diffuse via radio, la Volante si è recata nella zona indicata. All’arrivo ha notato tra via Pallone e via Ponte Rofiolo un individuo che tentava di aprile una delle auto parcheggiate in sosta. L’uomo, vistosi scoperto, non ha opposto alcuna resistenza e ha ammesso la propria colpevolezza affermando: “sono io il ladro”.

Leggi anche:  Spaccio, due arresti a Borgo Roma e a Porta Vescovo

Oggetti recuperati

All’interno della borsa dello stesso, gli agenti hanno rinvenuto oggetti asportati dalle precedenti autovetture già danneggiate.

Arrestato e processato

L’italiano, identificato per Gian Gavino Pani, pluripregiudicato per reati specifici, è stato arrestato e trattenuto nelle camere sicurezza della Questura in attesa del rito direttissimo che si è svolto sabato mattina. Il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto l’obbligo di dimora nel comune di Bolzano con contestuale obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria alla Questura di Bolzano. L’udienza è stata rinviata al 3 ottobre 2018.