Spaccio e traffico illecito di droga fermato dalla squadra Mobile della Questura.

Arrestati i proprietari di un bar

Nell’ambito delle molteplici operazioni per la prevenzione e la repressione dello spaccio e del traffico illecito di droga, nella mattinata di mercoledì 21 marzo, intorno
alle ore 11, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Verona, hanno arrestato due giovani proprietari di un bar del centro storico, a seguito di un’indagine
che ha condotto al rinvenimento, all’interno dell’esercizio pubblico, di un considerevole quantitativo di droga destinato allo spaccio.

Involucri di cocaina sotto al registratore di cassa

I poliziotti della Sezione Antidroga, dopo una serie di appostamenti, hanno rilevato dei comportamenti alquanto sospetti di alcuni avventori che, una volta entrati nel bar, ne uscivano dopo poco senza aver effettuato alcuna consumazione. Nella mattinata del 21 marzo si procedeva pertanto ad effettuare una perquisizione all’interno del locale ove, in un cassetto posto sotto il registratore di cassa, venivano rinvenuti 8 involucri di cellophane contenenti cocaina, per un peso di circa 6,5 grammi.

Leggi anche:  Incidente mortale in Transpolesana, muore camionista

Oltre alla coca anche l’hashish

I poliziotti decidevano di estendere gli accertamenti presso l’abitazione dei due proprietari, situata in via Marin Faliero. All’interno della stessa, veniva recuperata, nella tasca di un giaccone da uomo, una custodia per occhiali contenente un involucro in cellophane con ulteriore cocaina, per un peso di circa 5 grammi, ed un frammento di 20 grammi di hashish.

Attrezzi del mestiere rinvenuti e sequestrati

Sia all’interno del bar che dentro l’abitazione, veniva sequestrato anche materiale utile alla pesatura e al confezionamento della sostanza stupefacente.

Arrestati due giovani italiani con obbligo presentazione

Sono dunque scattate le manette per la coppia di giovani proprietari del bar, D.P.G. 31enne e F.M.V. 29enne, italiani e domiciliati a Verona. Dopo la convalida dell’arresto, in sede di direttissima sono stati entrambi sottoposti all’obbligo di presentazione alla P. G. per tre volte a settimana.