Cronaca regionale17 Febbraio 2019

Terrorista Isis nato a Brescia e vissuto in Lombardia: “Spero di tornare lì, sono pentito”

La Lega provinciale è già intervenuta sulla questione dicendo: "Di persone così non ne vogliamo e non ne abbiamo bisogno".

Terrorista Isis nato a Brescia e vissuto a Piadena, fra il Cremonese e il Mantovano, spera di poter tornare in Italia, la notizia del giorno la riporta la testata del nostro gruppo il Giornale di Cremona.

Terrorista Isis

Samir Bougana è un foreign fighter italomarocchino; nato a Brescia, ha vissuto a Piadena, nella Bassa,  fra il Cremonese e il Mantovano, prima di trasferirsi in Germania. E’ stato catturato dalle forze curde mentre stava tentando di scappare in Turchia. Racconta di essersi radicalizzato convinto che fosse una buona soluzione per aiutare la sua gente. Era giovanissimo quando ha fatto questo scelta e ora, che di anni ne ha 24, si dice profondamente pentito e disposto a pagare, spera non con la vita. Era uno dei 130 foreign fighter italiani arruolati dal Califfato.

Sogna di tornare nella Bassa

Intervistato da La Stampa, il giovane racconta di ricordarsi ancora i giorni vissuti nella Bassa, a Piadena. Soprattutto quando giocava come centrocampista nella squadra Gs Martelli. Ed è proprio in questi luoghi, così lontani dal fragore delle bombe e dei combattimenti, che Samir, nonostante un passato ingombrante, sogna di poter tornare e ricongiungersi a moglie e figli.

Tuona la Lega

Sulla questione è intervenuta anche la Lega, tramite il consigliere regionale Federico Lena che sottolinea che a Cremona “di persone così non ne vogliamo”, per poi sottolineare che “con Salvini la musica è cambiata”.

Leggi anche:  Intossicazione da monossido, intera famiglia finisce all'ospedale

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente