Terzo round ai Bastioni di Verona. I controlli a tappeto dei carabinieri hanno portato al terzo arresto in 24 ore.

Circonvallazione Oriani usata per scopi poco nobili

Ancora un arresto, ancora ai bastioni, ancora nucleo operativo e radiomobile di Verona ad operare: è successo questa mattina, mercoledì 8 agosto, proprio sui famosi giardini di circonvallazione Oriani, dove i militari stavano procedendo all’identificazione di chi, a vario titolo, passeggiasse o sostasse sui bastioni.

Sei carabinieri per sedare un uomo violento

Tra questi, un marocchino, pregiudicato, che non ne ha voluto sapere di rispondere alle domande dei militari dell’Arma anzi, alla loro vista, ha praticamente dato in escandescenza, sferrando loro pugni e calci pur di sottrarsi all’identificazione. Inutili i vari tentativi di calmarlo, ai quali l’uomo rispondeva con insulti, minacce e violenza: a quel punto i 6 carabinieri impegnati nel controllo massiccio della zona si sono concentrati tutti per bloccare l’esagitato e condurlo in caserma.

Rimane in cella fino all’udienza

Uno dei militari è rimasto ferito a un braccio, ma giudicato guaribile in circa 10 giorni: al marocchino, arrestato per violenza, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale, spetterà una notte in cella di sicurezza, in attesa del rito direttissimo previsto per domani.