Toro scatenato a Vigasio, abbattuto perché pericoloso. L’uccisione è stata autorizzata dal sindaco perché l’animale era fuori controllo.

Toro scatenato a Vigasio, abbattuto perché pericoloso

Era diventato incontrollabile pure per i proprietari il toro abbattuto la scorsa settimana a Vigasio. Era fuggito dall’allevamento ed era diventato un pericolo. Per questo il sindaco ha dovuto emettere un’ordinanza di abbattimento.

“Ho dovuto farlo”

“Ho dovuto autorizzarne l’abbattimento per scongiurare il pericolo per la pubblica incolumità – spiega il sindaco Eddi Tosi – Ero stato contattato venerdì scorso dal maresciallo dei Carabinieri della presenza di un toro fuori controllo in via dei Ronchi ed era stato reputato un potenziale pericolo per i cittadini. Ho così emesso un’ordinanza per autorizzarne l’abbattimento, in accordo con le forze dell’ordine, così che quel toro non diventasse un pericolo serio”.

Era vicino all’autostrada

Tosi aggiunge: “Era fuggito dall’allevamento e nemmeno i proprietari erano più in grado di riportarlo a casa, era infuriato e fuori controllo. Inoltre il toro si trovava tra le località Ronchi e Carbonara, molto vicino all’autostrada A22, col rischio che arrivasse a saltare la recinzione della stessa, diventando un serio pericolo per i mezzi transitanti. Con l’ordinanza, le guardie venatorie, presenti sul posto con i carabinieri, hanno potuto abbatterlo”.

Leggi anche:  Trovato il corpo senza vita di Natasha Chokobok VIDEO

Non è la prima volta

Non è la prima volta che succede, racconta Tosi: “Qualche anno fa avevo assistito a una situazione simile, con un altro toro fuori controllo, che caricava anche i proprietari che cercavano di riportarlo a casa. Un toro infuriato fa davvero paura”.

Immagine d’archivio BresciaSetteGiorni